Iniziate le potature in via Lido

Grossi tronchi a terra nella mattinata di oggi, giovedì: al lavoro gru e camion per spostare il legname. Le indicazioni per parcheggio e sosta

La potatura dei platani al Lido
La potatura dei platani al Lido

Potenti bracci meccanici, argani, camion e addirittura catene per legare i rami tagliati.

Galleria fotografica

La potatura dei platani al Lido 4 di 15

Sono cominciate oggi, giovedì 16 febbraio a Luino le potature dei grandi platani in via Lido.

Impossibile non notare i pesanti mezzi al lavoro passando di lì.

Il comando di polizia locale cittadino ha emesso un’ordinanza che riguarderà anche la giornata di domani, venerdì 17 per quanto concerne la sosta della auto nella zona: siamo all’ingresso della città nei pressi del porto nuovo.

COSA DICE L’ORDINANZA

I provvedimenti che interessano gli automobilisti sono due: l’istituzione del divieto di transito e del divieto di sosta sulla via Lido con rimozione forzata di tutti i veicoli dalle 8.00 alle 18.00 di giovedì 16 febbraio.

Poi il divieto di sosta dalle 8.00 alle 18.00 del parcheggio presso il Porto Lido del 16 e del 17 febbraio, venerdì.

QUI L’ORDINANZA IN PDF

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 febbraio 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La potatura dei platani al Lido 4 di 15

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Rolo

    Dalle immagini più che potature sembrano “abbattimenti” di platani. Chissà se tutto è stato fatto secondo le normative vigenti di sicurezza per gli altri platani…
    Dopo quelli di Viale Dante e questi di Via Lido, a quali altri platani toccherà essere cancellati dal triste suolo luinese?
    Rolando Saccucci