La rivoluzione “morbida” di Sanremo

Un’edizione considerata noiosissima ma che ha fatto ascolti stellari, ha riportato i giovani a guardare il festival di Sanremo, ha rottamato i luoghi comuni ed è è stato capace di fare la rivoluzione

Francesco Gabbani vince il Festival di Sanremo 2017

Chi l’avrebbe mai detto: anche su Sanremo è soffiato il vento di rottamazione che sta soffiando il tutto il mondo.
Ma, per questa volta, non ha fatto danni e non ha creato paure o divisioni: ha piuttosto infuso speranza nella storia della musica italiana.

Spazzati via i retaggi antichi del Festival (dal monumento vocale Albano al monumento autoriale Ron) e anche i luoghi comuni (la canzone partenopea di D’Alessio, vissuta da molti come un pedaggio necessario per “il popolo”) , messi all’angolo i talent, che non hanno avuto la ribalta del podio (il primo in classifica proveniente da un talent, più precisamente XFactor da lui vinto nel 2103, è Michele Bravi, al quarto posto, e i due vincitori dell’edizione di quest’anno di Amici, Sergio Sylvestre ed Elodie si sono ritrovati rispettivamente al sesto e all’ottavo posto).

A Sanremo hanno vinto tre canzoni amatissime e già super scaricate e che tutti, anche chi non le ama, ritengono “belle”: una sensazione che chi scrive non provava da anni, se non da decenni.

Di più: a vincere è stata quella scanzonata ma scritta bene, tormentone ma intelligente. Insomma, è come se avessero vinto le canzoni di Elio e le Storie Tese, dei  Figli di Bubba o comunque quei brani che a Sanremo non sono mancati mai, sono stati sempre molto ascoltati e venduti, hanno portato fortuna a chi li ha scritti e a chi li ha ascoltati ma che si dava per scontato non avrebbero vinto perchè “poco sanremesi”.

Un messaggio di speranza: l’ipertradizionalista festival, presentato – e diretto artisticamente, non dimentichiamolo – da un conduttore considerato “per nonne” (Carlo Conti) e dalla regina dei talent televisivi (Maria de Filippi) in un’edizione considerata noiosissima ma che ha fatto ascolti stellari è arrivato a operare una trasformazione del pubblico che altri non sono riusciti a fare: riportare i giovani a guardare il festival di Sanremo. Ed è è stato capace di fare la rivoluzione: modernizzare l’Italia canterina, mettendo sostanzialmente tutti d’accordo. Così ora tutti ballano con la scimmia, e si interrogano su di un libro dal nome strano (“La Scimmia Nuda”) che magari, chi lo sa, per qualche giorno sarà più scaricato e acquistato dei libretti dei Mandala o del libro di ricette di Cracco.

Chissà, prima o poi succederà persino nel nostro Paese una trasformazione così: che traghetti la società a risultati più nuovi, piu giovani, piu positivi più intelligenti e meno incazzati, in una rivoluzione che sostanzialmente tutti siano in grado di approvare e accettare, una rivoluzione morbida che ci porti fischiettando al futuro.

Se c’è riuscito Sanremo, ce la possiamo fare anche noi.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.