Al Lingotto il popolo di Renzi

La kermesse al lingotto di Torino con cui Renzi presenta la sua candidatura a segretario del PD

Lingotto, il popolo di Renzi

È in corso al Lingotto di Torino la convention di Matteo Renzi, destinata a lanciare la ricandidatura dell’ex premier a segretario nazionale del partito democratico.

Galleria fotografica

Lingotto, il popolo di Renzi 4 di 29

L’ex premier ha parlato venerdi e lanciato la sua sfida contro la paura di questi tempi tormentati e contro i populismi, aprendo al ritorno a un partito più collegiale.

“Noi eredi della tradizione migliore, non reduci” ha affermato durante il discorso.
Tra le proposte lanciate quella delle primarie per scegliere il presidente Ue e una scuola di partito per formare 200 dirigenti. Al via anche  “Bob”, la nuova piattaforma web del partito. Renzi ha ribadito di volere mantenere la identificazione tra il segretario e il candidato premier, il linea con quanto accade delle maggiori democrazie europee.

La mattinata di sabato è stato invece chiusa dal discorso di Maurizio Martina, candidato vicesegretario. Il ministro dell’agricoltura ha spiegato con molta determinazione che la proposta di Renzi guarda al futuro e che si deve comunque guardare avanti per inserirsi in una prospettiva di riformismo europeo e mondiale per sconfiggere la paura e il populismo.

Per il lancio della mozione è stata prenotata una sala del centro congressi del Lingotto. In mattinata molti interventi, chiusi da quello molto applaudito di Martina.
Nel pomeriggio riprendono i seminari, suddivisi in 12 sale sui temi che poi costituiranno la mozione finale che presenterà il candidato segretario nel discorso di domenica alle ore 12. Si spazia tra vari temi: enti locali, città e territori, lavoro ed economia, giovani e sociale.
Nel parterre moltissimi militanti e amministratori del PD, provenienti da varie parti d’Italia.

Lingotto, il popolo di Renzi

Una buona delegazione è arrivata anche da Varese: presenti già da ieri l’onorevole Maria Chiara Gadda e il parlamentare Angelo Senaldi. Nel parterre il segretario provinciale Matteo Astuti (foto) il sindaco di Besnate Giovanni Corbo, il segretario regionale Alessandro Alfieri.

A sorpresa ha poi preso la parola Emma Bonino. Molto applaudita sui temi dell’immigrazione.

Nel pomeriggio gli interventi di molto big. Il più applaudito é stato quello di Teresa Bellanova, la pasionaria del lavoro, sindacalista, sottosegretario allo sviluppo economico che ha parlato di diritti, dimissioni in bianco e lotta allo sfruttamento rivendicando i risultati del governo Renzi. Molto passionale anche il discorso di Vincenzo De Luca e quelli di Enrico Franceschini e Giuseppe Vacca. Si sono inoltre susseguiti dal palco i ministri Roberta Pinotti, Minniti, Maria Elena Boschi, Piercarlo Padoan.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 11 marzo 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Lingotto, il popolo di Renzi 4 di 29

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.