Alle Arti si riflette sulla “Europa al bivio”

È il titolo del 55° corso di formazione, che proporrà qualificati interventi sul tema, nell'anno del 60esimo dei Trattati di Roma e di importanti sfide per l'Unione

Europa

L’Europa tra spinte centrifughe e pressioni esterne, consenso interno e conflitti globali, euroscettici ed europeisti sostenitori di una vera federazione tra Stati: l’Europa è al bivio e a questo tema sarà dedicato il prossimo Corso di Formazione promosso dal Centro Culturale del Teatro delle Arti, un appuntamento qualificato promosso due volte l’anno in via don Minzoni (si è ormai alla 55esimo corso).  La due giorni è in programma da venerdì 31 marzo pomeriggio e sabato 1 aprile mattino.

Dopo la firma del trattato sull’Unione Europea, il 2 ottobre 1997 ad Amsterdam, l’Europa si trova a vivere una fase di difficoltà connesse a problematiche economico-finanziarie e anche alle sfide di una contemporaneità globalizzata che vede i migranti premere alle porte dell’occidente. La ricorrenza è parsa alla direzione del Centro Culturale del Teatro delle Arti una occasione per una approfondita riflessione da offrire ai docenti ma anche agli universitari e ai laureati oltre che agli studenti delle ultime classi delle scuole superiori.

Qualificatissimi i relatori: Enzo Baldoni, costituzionalista; Piero S. Graglia, docente di Storia delle relazioni internazionali dell’Università degli Studi di Milano; Enzo R. Laforgia, presidente dell’Istituto Varesino “Luigi Ambrosoli”; Antonio Longo del Movimento Federalista Europeo e Antonio Padoa Schioppa dell’Università degli Studi di Milano.

La presidenza del Convegno è affidata alla prof.ssa Cristina Boracchi, dirigente ISIS Crespi di Busto e al prof. Enzo R. Laforgia. Da loro e con la collaborazione di Patrizia Foglia è stato curato l’intero progetto che si propone ai partecipanti come un’occasione privilegiata di approfondimento su temi che rientrano anche nel curricolo scolastico.

L’intera proposta vede a fianco del Teatro delle Arti il Centro di Promozione Legalità di Varese, l’Ufficio Scolastico per la Lombardia, la stessa Regione Lombardia e la provincia di Varese.

Partner privilegiato rimane sempre l’Assessorato alla Cultura di Gallarate.

L’iniziativa è realizzata con la collaborazione della Manifattura Mario Tonetti & C. di Gallarate oltre che, naturalmente, del Cinema Teatro delle Arti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.