Alptransit, Pellicini scrive al ministro: “Vogliamo vedere i progetti per i lavori sulla linea”

In una lettera inviata anche ai vertici di ferrovie e vigili del fuoco il sindaco chiede lumi su sicurezza e infrastrutture in vista dei lavori di adeguamento della linea che partiranno a giugno

Avarie

«I lavori di ammodernamento e potenziamento della linea sono programmati per il prossimo periodo giugno/dicembre, ma, allo stato, non abbiamo ancora potuto esaminare, nonostante le nostre continue richieste, i progetti delle opere che verranno eseguite, né ci sono stati forniti dati sul numero di treni che, dopo i lavori di adeguamento della linea, vi transiteranno effettivamente. Non ci è stata nemmeno fornita alcuna garanzia per il mantenimento e il miglioramento del trasporto passeggeri», firmato: Andrea Pellicini.

Il mittente è il primo cittadino di Luino, e il primo dei destinatario è il ministro dei trasporti Graziano Delrio, oltre al prefetto di varese e ai vertici di Rfi e Vigili del fuoco.

Una richiesta di chiarimento a 360 gradi sul destino di questa linea che sarà la continuazione dell’alta velocità svizzera per le merci, e che sarà un tassello importante dell’asse viario Genova Rotterdam.

Questo a fronte del fatto che «l’apertura del nuovo tunnel del Gottardo e il progressivo incremento dei convogli merci sulla linea a binario unico di Luino si accompagnano alla sempre più elevata preoccupazione per le problematiche legate all’impatto ambientale che ciò comporterà su un territorio fragile come quello del Lago Maggiore e alla sicurezza nel trasporto delle merci pericolose.
La capacità della linea di Luino, stando alle indicazioni del Ministero delle Infrastrutture, raggiungerà nei prossimi anni i 90 treni merci al giorno, incrementando così notevolmente le problematiche relative alla sicurezza del territorio anche in termini di impatto acustico e vibrazioni»

Il sindaco di Luino pone quindi l’accento su alcuni punti specifici: «Considerato che le questioni che poniamo a livello locale interessano il territorio nella sua dimensione più vasta, abbiamo già provveduto da tempo al coinvolgimento diretto della Prefettura di Varese e di Regione Lombardia, ma riteniamo, in considerazione della valenza internazionale del progetto di adeguamento e potenziamento della linea ferroviaria Bellinzona – Luino -Sesto Calende – Gallarate, di chiedere l’interessamento e il pronunciamento del Governo nazionale in ordine ai seguenti punti: il rispetto e l’osservanza delle procedure in materia di valutazione di impatto ambientale di cui al Decreto Legislativo n. 152/2006; l’organizzazione e la gestione di un piano per la sicurezza della linea e per il pronto intervento in caso di incidente da merci pericolose con riguardo ai presidi speciali NBCR del Comando dei Vigili del Fuoco; la presentazione di dati e informazioni certe circa il numero e la frequenza notturna e diurna dei treni merci che si prevede di far transitare dalla linea di Luino e la pericolosità delle merci trasportate, infiammabili ed esplodenti; i termini per l’attuazione del programma per il posizionamento delle protezioni foniche lungo la linea di Luino (le installazioni di barriere antirumore, previste per il 2014 nella frazione di Colmegna di Luino e a Luino centro, non sono state ancora poste in essere); le garanzie circa il mantenimento, l’efficientamento e il miglioramento del trasporto passeggeri verso Milano, Malpensa e la Svizzera; lo stato dei programmi per la realizzazione della cosiddetta “gronda ovest” per la realizzazione di una ferrovia in galleria, secondo quanto già previsto nei programmi della Svizzera e da RFI, per il superamento dei centri abitati lungo la sponda del Lago Maggiore».

«Riteniamo – conclude Pellicini – che il Governo nazionale abbia il dovere di fornire delle risposte sulle suddette questioni. In particolar modo, è fondamentale conoscere se siano già state espletate le procedure in materia di valutazione ambientale previste dalla legge.
In caso contrario, si chiede un intervento urgente a livello nazionale affinché l’inizio dei lavori sulla linea ferroviaria venga differito sino all’espletamento delle procedure medesime».

di
Pubblicato il 13 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.