Approvata la Tari, Conte (Pd) soddisfatto

Il capogruppo Pd segnala come il nuovo regolamento permetta alle utenze commerciali e produttive di ottenere sconti

luca conte

Riceviamo e pubblichiamo

Il consiglio comunale di Varese ha ieri approvato le importanti modifiche al regolamento Tari ed alle relative aliquote proposte dalla Giunta Galimberti e dall’assessore Buzzetti.

Si sono innanzitutto introdotte le misure antispreco e le agevolazioni previste dalla legge Gadda, dal nome della parlamentare varesina ideatrice della norma. Sarà quindi ora possibile devolverà le proprie eccedenze, ottenendo una riduzione fino al 20% sull’imposta. Un principio moderno e di buon senso, che contribuirà non solo a ridurre i rifiuti, ma anche a far risparmiare le attività produttive.

Altrettanto significativa l’introduzione di uno sconto di 70.000 euro su tutte le utenze commerciali e produttive. Segno tangibile di un’inversione di tendenza voluta da questa amministrazione rispetto ad un tributo che invece, per le imprese e le famiglie del comune di Varese, era lievitato di quasi il 70% fra il 2011 ed il 2016. Questa amministrazione sta dimostrando, ancora una volta, di voler mettere al centro il rilancio delle attività commerciali e produttive, per dare nuovo slancio alla città e far ripartire l’economia varesina.

Non meno importante, infine, un’operazione verità sulle risorse provenienti dalla Tari. Attraverso un’accurato lavoro da parte degli uffici sono stati infatti eliminati ben 144.000 metri quadrati di superficie inesistente. Le stime di gettito erano calcolate su metri quadrati che in teoria avrebbero dovuto generare rifiuti e quindi versare la Tari, senza tuttavia che esistessero realmente. Un numero abnorme, per il quale occorre chiedersi come possa essere sfuggito ai precedenti amministratori. Una base imponibile inesistente che ha per anni consentito di mettere a bilancio introiti fantasma, che hanno consentito spese reali, ma prive di copertura finanziaria e che oggi sarà necessario compensare. Grazie al lavoro del Comune si è finalmente compiuta un’operazione di sistemazione dei reali metri quadrati esistenti in città soggetti alla Tari, superando questa grave anomalia.

Si conferma perciò, ancora una volta, la serietà ed il buon governo di questa amministrazione, che si sta muovendo nell’interesse dei cittadini e di Varese.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.