Arriva “la Fabbrica del Diritto”, tre giorni per scoprire le professioni legali

Dal 3 al 5 aprile una nuova iniziativa a cura della Scuola di Diritto della Liuc per far scoprire agli studenti delle scuole superiori tutti gli aspetti delle professioni legali

tribunale busto arsizio generica

Le professioni legali? Un mondo tutto da scoprire per gli studenti delle scuole superiori, che grazie alla LIUC – Università Cattaneo potranno misurarsi con una settimana full immersion tra conferenze ed esperienze pratiche.

«Gli studenti – spiega il prof. Alberto Malatesta, Direttore della Scuola di Diritto della LIUC – potranno non solo andare alla scoperta dei principali luoghi del diritto, ovvero il tribunale e lo studio legale, ma anche incontrare accademici e professionisti del settore e misurarsi con simulazioni di processo, per testare nel concreto la loro attitudine a questo tipo di professioni. Un modo diverso e innovativo di fare orientamento universitario, per smontare falsi miti sul nostro settore e far comprendere cosa significa realmente svolgere un lavoro in questo ambito».

L’iniziativa si svolgerà dal 3 al 5 aprile prossimo ed è a cura della Scuola di Diritto della LIUC.  Nella giornata di lunedì 3 aprile gli studenti partecipanti (un gruppo di 40, selezionati sulla base del profitto e dell’interesse per questi temi) potranno partecipare a due workshop, dedicati rispettivamente a colpevolezza, innocenza e standard della prova nel processo penale e alle risposte del diritto rispetto ad alcune scelte tragiche.

Nella seconda giornata gli studenti potranno invece accedere al Tribunale di Busto Arsizio, dove assisteranno ad un’udienza penale. Dopo il pranzo in Università, gli studenti saranno protagonisti della simulazione di un processo civile all’interno dell’aula tribunale LIUC.

Il programma si concluderà mercoledì 5 aprile con una visita guidata a uno studio internazionale di Milano: gli studenti assisteranno ad due incontri su cosa è bene sapere della carriera forense e sull’attualità dei brocardi latini. Inoltre, nel pomeriggio, gli studenti saranno coinvolti in un dibattimento penale, sempre all’interno dell’aula tribunale LIUC, con guida alla ricerca bibliografica  e verdetto della giuria composta dagli studenti.

PROGRAMMA

Lunedì 3 aprile 2017 aula C116
14.00 Registrazione dei partecipanti
14.30 Presentazione dell’iniziativa – Prof. Alberto Malatesta Direttore Scuola di Diritto
14.45 “Il diavolo e l’avvocato: colpevolezza, innocenza e standard della prova  nel processo penale” – Prof. Mario Zanchetti, Ordinario di Diritto Penale
16.30 “Quando è in gioco la sopravvivenza. Le scelte tragiche e le risposte del diritto” – Prof. Corrado Del Bo, Docente di Teoria Generale del Diritto

Martedì 4 aprile 2017
9.30 Visita guidata al Tribunale di Busto Arsizio, durante la quale si potrà assistere ad un’udienza penale;
13.00 Lunch In Università offerto dalla Scuola di Diritto
15.00 Aula Tribunale LIUC – Simulazione di un processo civile ovvero “Giudici e avvocati: ruoli essenziali nella società del futuro?” – Prof. Fiorenzo Festi, Ordinario di Diritto Civile

Mercoledì 5 aprile 2017
10.00 Visita guidata a uno studio legale internazionale di Milano, nel corso della quale si svolgeranno due conversazioni con successivo dibattito.

“Cosa è bene sapere sulla carriera forense” – Prof. Luca Arnaboldi, Docente di Mergers and Acquisitions Law.
“Non più mater semper certa. Qualche divagazione sull’attualità dei brocardi latini‘ – Prof. Nicola Rondinone, Ordinario di Diritto Commerciale

13.00  Buffet offerto dallo studio legale ospite
15.00  Aula­­­­­­­­ Tribunale LIUC – Simulazione di un dibattimento penale, con guida alla ricerca bibliografica e verdetto della “giuria” composta dagli studenti: Avv. C. Calcagno e Avv. D. Loglio.
17.30 Chiusura lavori e consegna Attestati

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.