Baseball ciechi, Malnate straripante all’esordio

Al primo impegno stagionale, i Patrini vincono al Gurian Field contro i Staranzano Ducks

I Patrini volano in finale di Coppa Italia

Tutto facile per i campioni d’Italia contro la matricola Staranzano alla prima uscita stagionale. Nonostante i timori meteo della vigilia, si sono giocate regolarmente le 6 sfide in calendario per la seconda giornata della fase a gironi del XXI campionato di baseball per ciechi.

Esordio casalingo col botto per i Patrini Malnate campioni d’Italia che, di fronte all’ennesimo sold-out al Gurian Field, si sono sbarazzati con disarmante facilità dei Ducks Staranzano, puniti 8-0 in gara 1, seguito da un 24-0, forse troppo severo nei confronti della matricola giuliana che, tuttavia, ha pagato direttamente sulla propria pelle la mentalità vincente unita al grande livello tecnico ed agonistico dei varesini determinati a riaffermare la propria egemonia in AIBXC.

Davvero poco da raccontare sulle due gare del Gurian: Patrini devastanti sin dal playball del primo match, già avanti 8-0 dopo sole tre riprese di quello che pugilisticamente verrebbe definito un “no-contest ” interrotto alla quinta ripresa dall’arbitro capo Casiraghi per manifesta superiorità. Line-up lombardo già perfettamente rodato, guidato da un Marco “Beauty” Case in gran spolvero (4 su 5, 2 punti battuti a casa), ottimamente sostenuto dal nigeriano Okpara (2 su 4, 2 punti battuti a casa), Virgili (3 su 4, 1 punto battuto a casa) e Burgio (2 su 5, 2 punti battuti a casa) Comunque lodevole l’impegno dei Ducks che hanno salutato l’esordio di Rocco Arancio, Domenico Mastrangelo, Nicolò Finocchiaro e Andrea Crescenzi, a sostegno del più quotato Davide Moreschi.

Gara-2 è di fatto una slavina impietosa che si abbatte sui malcapitati Ducks, travolti con un incredibile 24-0, testimonianza ulteriore della fame atavica che ancora pervade mazze e guantoni dei ragazzi subalpini, guidati in dug-out dal pragmatico Adriano Chiesa. Malnate già avanti 14-0 dopo tre riprese offensive e l’arbitro capo, Foltran, a decretare la manifesta superiorità dopo 5 inning. Anche in questo secondo atto, line-up lombardo particolarmente scoppiettante nel box, guidato dalle prove maiuscole di Casale (8 su 8, 5 punti battuti a casa), sostenuto dagli slugger Case (5 su 8, 4 punti battuti a casa), Okpara (7 su 8, 4 punti battuti a casa), Bossetti (3 su 5, 4 punti battuti a casa), e dal DH Marchetto (7 su 8, 5 punti battuti a casa).

Per i giuliani, segnaliamo anche l’esordio di Patrizia Podrecca, un avvio alla “rookie season” traumatizzante, da cui, ne siamo certi, il granitico presidente Buttignon ed un “tosto” dentro come skipper Renato Carraro sapranno trarre ispirazione per lanciare il cuore dei giovani atleti isontini oltre l’ostacolo, ad iniziare proprio dall’esordio casalingo che attende i Ducks il 2 aprile prossimo, opposti ai Thunder’s Five Milano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.