Bebe Vio e Massimo Picozzi lanciano il Festival “Tradate è cultura”

L'atleta medaglia d'oro alle Olimpiadi di Rio e il noto criminologo saranno i nomi di punta del festival Tèc, in programma dal 25 marzo al 1° aprile

Tradate e cultura
foto del saronnese che non vanno in nessuna categoria

Da Bebe Vio a Massimo Picozzi. Cresce il festival “Tec – Tradate è cultura” che è giunto alla quarta edizione e che prenderà il viali prossimo 25 marzo, con iniziative in programma fino al 1° di aprile. Il Festival è organizzata dal “Tavolo della cultura”, gruppo guidato dalla biblioteca Frera e che raccoglie numerose associazioni del territorio, oltre alle scuole cittadine di ogni odine e grado, con la presenza dell’assessorato alla cultura.

Il programma è stato presentato martedì 14 marzo in biblioteca, alla presenza del sindaco Laura Cavalotti e della coordinatrice Lucia Povolo. «Siamo molto soddisfatti perché l’esempio del tavolo della cultura, con i suoi progetti ricchi di messaggi, lascia un segno nei ragazzi che partecipano a queste iniziative. Essere presenti in questo modo, con temi così importanti è fondamentale per la crescita della città» ha spiegato il primo cittadino. Ha proseguito Lucia Povolo: «Siamo alla quarta edizione, abbiamo toccato argomenti differenti e quest’anno il tema è “far luce“, sotto diversi aspetti.Il festival è molto ricco, non solo per i nomi coinvolti, bensì perché si rivolge a tutta la cittadinanza che è stata coinvolta nell’organizzazione».

Bebe Vio e Massimo Picozzi

L’incontro clou del festival sarà quello con Bebe Vio, l’atleta medaglia d’oro alle paraolimpiadi di Rio. Questo incontro è stato sponsorizzato dalla The Boga Foundation per sostenere le iniziative dell’associazione legata all’atleta: «Abbiamo incontrato Bebe prima della partenza per le Olimpiadi, facendole indossare gli occhiali di Gandhi e sposando il suo spirito. L’abbiamo seguita in tutte le sue avventure con l’impegno di ritrovarsi a Tradate – ha spiegato il giornalista Alessandro Colombo a nome della fondazione -. L’incontro del 28 marzo alle 18 sarà il culmine di questo percorso. Bebe verrà per raccontare la sua storia, ma anche per sostenere la sua associazione Art 4 sport che si dedica ai ragazzi che portano protesi, per dare loro la possibilità di fare sport e sentirsi normali».

bebe vio sport disabili scherma foto facebook
Varie sport disabili

Su questo fronte altro momento importante sarà l’appuntamento della mattina del 27 marzo al cinema Grassi con Roberto Boff e gli atleti paralimipici che discuteranno con i ragazzi delle scuole superiori. Saranno presenti gli atleti Martina Rabbolini, Alessandro Andreoni, Daniele Cassioli e Marco Carabelli.

L’incontro di apertura del Festival sarà invece affidato al criminologo Massimo Picozzi, in programma nella serata di apertura il 25 marzo, alle 21, in biblioteca Frera. la giornalista Sara Magnoli intervisterà lo psichiatra e criminologo Massimo Picozzi, autore del libro Profiler (Sperling & Kupfer), che accompagna il lettore in un viaggio affascinante nelle menti dei predatori. Sia questo incontro che quello con Bebe Vio sono stati organizzati insieme a VareseNews.

Gli altri appuntamenti

Quest’anno per la prima volta partner del Tavolo è il Fondo per l’ambiente italiano (FAI), Delegazione del Seprio. Nelle giornate di sabato 25 (ore 10-12 e 14-18) e domenica 26 (dalle 10 alle 18) gli Apprendisti Ciceroni degli Istituti tradatesi, formati all’interno delle attività di alternanza scuola-lavoro, guideranno i visitatori ai luoghi di interesse storico-artistico della città: Museo della motocicletta Frera, Museo Fisogni e Villa Castiglioni, Osservatorio astronomico e Parco Pineta, Santuario della Madonna delle vigne, Santuario del Santo Crocifisso.
Nel pomeriggio di domenica 26 marzo la comunità Pastorale del S. Crocifisso organizzerà l’esposizione dell’opera “Vergine con il bambino” presso il Santuario del Crocifisso; alle ore 18.00 l’autore, Christian Cremona, dialogherà con il pubblico sulla sua esperienza di arte e fede.
Lunedì 27 alle 20.45 al Cinema Teatro Grassi 4K Cesare Guaita, presidente del Gruppo astronomico tradatese, terrà una conferenza sul tema: “L’inquinamento luminoso: un male da combattere”.
Mercoledì 29 marzo l’Istituto d’istruzione superiore “L. Geymonat” alle ore 20 invita la cittadinanza nella propria Aula magna a consumare un aperitivo che precederà la conferenza “L’altra faccia della luce” tenuta da una docente di fisica dell’Università degli studi dell’Insubria, ricercatrice del C.N.R., Maria Bondani.
Il Festival prosegue giovedì 30 con la premiazione del Concorso fotografico indetto dall’Associazione Amici della Biblioteca Civica di Tradate. Il tema del concorso è “Luci e ombre del nostro tempo: raccontare Tradate e le storie dei tradatesi”, a cui hanno partecipato, su sollecitazione dei docenti, le scuole tradatesi e i cittadini interessati. Una giuria di professionisti ha scelto i vincitori per ciascuna delle quattro classi di età previste dal Bando e consegnerà i premi messi a disposizione dagli sponsor, tra cui Varesenews e Banca popolare di Bergamo.
“A qualcuno piace buio”, lettura animata di Roberto Pavanello, autore della fortunata serie che ha per protagonista il pipistrello Bat Pat, è la proposta che l’Associazione culturale Lengua y arte offrirà alla cittadinanza venerdì 31 marzo alle ore 16.30 alla Biblioteca civica Frera. Il veterinario Gerard Mangiagalli spiegherà tutto ciò che occorre sapere sui pipistrelli. Alle ore 20.45 chiuderanno la giornata i ragazzi della classe 2B della Scuola media “Paolo VI” presentando all’Auditorium dell’Istituto Pavoni il booktrailer della Divina Commedia da loro realizzato. I loro compagni della classe 3D metteranno invece in scena La città di Ember, animazione teatrale dal romanzo omonimo di Jeanne DuPrau.
Il sabato 1 aprile alle ore 18.30 i ragazzi del Liceo scientifico “M. Curie” daranno appuntamento alla cittadinanza per presentare le loro suggestioni artistiche (danze, musiche, video) e riflessioni scientifiche sul tema “E luce fu”. Seguirà la tradizionale apericena organizzata dal Comitato genitori della scuola.
Gli studenti dell’Istituto comprensivo “G. Galilei” chiuderanno l’intensa settimana domenica alle 18 in Biblioteca civica Frera con il concerto “La luce e i colori dei suoni”, ricordando alla città che anche quest’anno i protagonisti della settimana sono stati soprattutto gli studenti.

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 14 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.