Capitale Italiana dei Giovani 2018, ultimi giorni per il bando

Al momento sono arrivati circa 35 documenti. Il bando scade tra una settimana

agrivarese giardini estensi

L’appuntamento con Varese Capitale Italiana dei Giovani 2018 si avvicina. Mancano solo sette giorni alla scadenza del bando che assegnerà il prestigioso titolo di Capitale Italiana dei Giovani 2018 e la candidatura di Varese si fa sempre più concreta e partecipata.

Durante l’ultima settimana negli uffici del Comune di Varese sono arrivate circa 35 documenti, inviati dalle varie associazioni giovanili presenti sul territorio. Al loro interno tante idee, proposte e riflessioni che andranno ad integrare il progetto presentato lunedì 13 maggio davanti a un Salone Estense pieno.

Oggi invece si è concluso il concorso di idee per il logo di Varese 2018. In Comune sono arrivate 10 proposte realizzate da giovani sotto i 35 anni. La commissione nominata dalla Giunta comunale si riunirà il 29 marzo per stabilire quale tra le proposte arrivate diventerà il logo ufficiale della candidatura della Città Giardino.

Oggi l’assessore Francesca Strazzi e il consigliere comunale Giacomo Fisco hanno incontrato all’Informagiovani di via Como i rappresentanti delle associazioni giovanili della città di Varese, raccontando nel dettaglio la proposta e raccogliendo le ultime idee.

“In queste settimane si è creato un clima di partecipazione molto stimolante – dichiara Francesca Strazzi, assessore alla Politiche giovanili -. L’iniziativa di partecipare al bando per l’assegnazione del titolo di Capilate dei Giovani ha dato la possibilità di discutere e aprire dibattiti su tanti argomenti che interessano i giovani direttamente e i vari gruppi e associazioni che ci stanno raccontando le vere esigenze dei ragazzi e delle ragazze di Varese. Inoltre in tanti ci hanno segnalato l’importanza di lavorare anche per mettere in campo politiche che possano attrarre a Varese anche un turismo giovanile.

“E’ stato un periodo intenso ma entusiasmante – spiega il giovane consigliere Giacomo Fisco, promotore della candidatura – abbiamo parlato con centinaia di giovani e realtà associative, costruendo un documento progettuale innovativo e competitivo. Il primo passo ora sarà quello di costituire la consulta giovanile della città”.

di adelia.brigo@varesenews.it
Pubblicato il 24 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.