Chiede una mazzetta al ristoratore, maresciallo della Finanza in manette

Il finanziere, in forza al Nucleo di Polizia Tributaria di Varese, è stato arrestato giovedì mattina su richiesta della Procura di Busto Arsizio

Economia generiche

Un militare del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Varese è stato arrestato questa mattina (giovedì) con l’accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità (il vecchio reato di concussione, ndr) su richiesta dei sostituti procuratori della Repubblica Luigi Furno e Luca Pisciotta che hanno condotto le indagini.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Busto Arsizio Patrizia Nobile ha emesso l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del finanziere che è stato portato in carcere e domani verrà interrogato.

Il maresciallo della Polizia Tributaria è accusato di aver chiesto una mazzetta da 3000 euro ad un ristoratore di Gallarate, probabilmente con la promessa di non dare seguito a controlli fiscali. Le indagine sono state effettuate dagli stessi colleghi della Guardia di finanza di Varese, che hanno infine eseguito l’arresto.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 02 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore