Chiusura del piano di lavoro territoriale per le politiche giovanili

I soggetti coinvolti nel progetto sono stati i comuni di Varese, Saronno e Luino con i relativi distretti, insieme a Confartigianato, Cesvov, TheLab e alle cooperative Lotta contro l’emarginazione, Totem, Codici, Naturart

Pmi Day Pangborn

Il piano di lavoro territoriale per le politiche giovanili ha proposto e concretizzato numerose strategie per incrementare la crescita occupazionale giovanile. I soggetti coinvolti nel progetto sono stati i comuni di Varese, Saronno e Luino con i relativi distretti, insieme a Confartigianato, Cesvov, TheLab e alle cooperative Lotta contro l’emarginazione, Totem, Codici, Naturart. Il progetto ha risposto al mandato di Regione Lombardia creando delle opportunità di scambio per i giovani, mettendo a disposizione luoghi fisici come il coworking Spazio idea di Varese, il Faberlab di Tradate e lo Spazio Anteprima di Saronno. Quest’ultimo ha ampliato la propria mission attraverso la Call di Idee, selezionando delle proposte provenienti dai giovani del territorio che hanno restituito alla comunità eventi culturali e nuovi spazi creativi.

La rete ha dedicato risorse consistenti nelle azioni di tutor, formazione, supporto tecnico ed economico alle startup selezionate mediante il bando “Accendi le tue idee”. I progetti di auto imprenditorialità sono stati raccontati e promossi da un team di under 35, attraverso l’attività di storytelling multimediale. I giovani hanno avuto l’occasione di sviluppare una maggior consapevolezza sulle proprie capacità spendibili nel mondo del lavoro, mettendo in campo doti progettuali e collaborative.

«Con una disoccupazione giovanile al 40% si fa ancora più concreta la linea data da Regione Lombardia che mira a spingere l’azione delle politiche giovanili da una funzione di aggregazione ad una di imprenditorialità – commenta l’assessore alle politiche giovanili Francesco Banfi – . La serata svoltasi allo Spazio Anteprima è stata il momento conclusivo del percorso del piano di lavoro territoriale ed è stata utile per guardare al percorso fatto oltre al toccare con mano alcuni dei progetti finanziati. Sicuramente sarà necessario anche un tavolo con i partecipanti e con i comuni al fine di confrontarci su quanto fatto e sulle modalità così da attuare azioni future sempre più performanti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore