Come ci protegge la Polizia? Studenti in commissariato

Gli studenti delle scuole primarie e della secondaria di primo grado hanno incontrato gli agenti del commissariato Annarumma di Milano

scuola primaria fagnano olona polizia

Nei giorni scorso gli studenti dell’Istituto comprensivo di Fagnano Olona hanno vissuto tre giornate speciali fianco a fianco con gli uomini e le donne della Polizia di Stato, che li hanno accolti con grande calore nel commissariato di Milano Annarumma e con grande piacere hanno risposto alle loro curiosità.

Gli studenti delle scuole primarie Rodari e Orrù e della secondaria Fermi hanno avuto modo di conoscere e vedere dall’interno come queste persone aiutano i cittadini tutti i giorni nei momenti più difficili. Il percorso alla scoperta della professione di poliziotto è partito sui pullman che la Polizia ha messo a disposizione gratuitamente per raggiungere Milano. Una volta in caserma il benvenuto ai ragazzi è stato dato dai cani poliziotto, che hanno riscosso grande simpatia nei giovani studenti e che rappresentano bene in modo schietto l’impegno e l’abnegazione nel lavoro di tutto il corpo di Polizia.

Gli studenti hanno poi assistito ad una dimostrazione del reparto cinofilo antidroga e di ricerca esplosivi con spiegazioni precise e chiare sulla selezione, sull’addestramento, i servizi, sulla vita quotidiana e anche sul pensionamento dei cani – poliziotto. Hanno incontrato due cavalli in servizio nel reparto di cavalleria, riguardo cui si sono sottolineati gli utilizzi sia in zone particolari del territorio che in ambito urbano. Ai ragazzi è stata illustrata anche “la carriera” di un cavallo in Polizia e della sua vita dopo il servizio.

Sono stati poi mostrati i mezzi meccanici a disposizione delle forze della Polizia: volanti, pullman, i furgoni in servizio presso gli stadi, i mezzi anfibi per le calamità. Si è tenuta anche una lezione di educazione stradale, cruciale nella formazione dei nostri ragazzi, considerando che gli incidenti stradali sono disgraziatamente tra le prime cause di morte tra i ragazzi sotto i trent’anni.

Agli studenti infine sono stati spiegati scopi e funzioni della Mobile rispetto l’ordine pubblico e l’ultima tappa, ma potremmo dire il momento clou, è stata la visita alla centrale operativa del 112, ad ogni ragazzo è stato permesso di avvicinare un poliziotto che rispondeva alle chiamate di aiuto dei cittadini, toccando così con i propri sensi questo servizio così importante per la nostra sicurezza. Tra stupore e curiosità gli studenti sono tornati a scuola entusiasti e più consapevoli del ruolo della Polizia nella società.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.