Cosa farò “da grande”? In 500 all’Insubria

Tantissime aspiranti matricole hanno visitato l'ateneo sabato 25 marzo: grande interesse e partecipazione per tutte le presentazioni dei corsi di laurea

Università insubria

La scelta del corso di laurea è la prima vera decisione “adulta” nella vita di una persona. Per questo oggi, sabato 25 marzo, a Como si sono presentati tanti ragazzi nel Chiostro di S. Abbondio e poi nella sede di Via Valleggio, per scoprire che cosa si può studiare all’Università degli Studi dell’Insubria.

I partecipanti sono stati oltre 500 arrivati dalle province di Como, Varese, Lecco, Milano, Monza-Brianza, Sondrio, dal Piemonte, dal Canton Ticino, ma anche da Emilia Romagna, Abruzzo, Umbria, Sardegna.

Chi già con le idee chiare, chi ancora incerto sul percorso più indicato, i ragazzi sono arrivati all’Insubria per fare una esperienza della vita universitaria, per capire come si sta in un Ateneo che ha un ottimale rapporto docenti-studenti (1 a 25), per conoscere le opportunità offerte alle matricole, per scoprire quali strade e quali sbocchi professionali si aprono una volta ottenuta la laurea in un Ateneo che – stando all’ultimo rapporto Almalaurea – ha laureati con un tasso occupazionale molto più alto della media nazionale: infatti l’81% dei neolaureati triennali Insubria lavora contro il 67% di media.

Hanno riscosso grande interesse e partecipazione tutte le presentazioni dei corsi di laurea: Giurisprudenza, Scienze del turismo, Scienze della mediazione interlinguistica e interculturale per il Dipartimento di Diritto, Economia e Culture; in particolare, per il Corso di Laurea in Giurisprudenza, ha destato curiosità la futura trasformazione che porterà a una maggiore internazionalizzazione del percorso didattico con doppi titoli di laurea con Università straniere e alla attivazione di un Corso di Laurea in Giurisprudenza con percorso economico, in collaborazione con il Dipartimento di Economia.

Attenzione riservata dalle aspiranti matricole ai Corsi di Laurea di area scientifica, in primis, Chimica e chimica industriale, Fisica e Matematica per il Dipartimento di Scienza e alta tecnologia: non solo per il racconto dei docenti e le testimonianze degli studenti, ma anche per le visite guidate al Polo Scientifico di via Valleggio, dove, in 60 circa si sono spostati con apposita navetta per visitare i laboratori didattici e di ricerca; partecipare a giochi matematici e scoprire semplici applicazioni matematiche.

Presenti anche i corsi di Economia e management per il Dipartimento di Economia; Corsi di Laurea dell’Area Medico-Sanitaria e Scienze Motorie per la Scuola di Medicina; Scienze biologiche e Biotecnologie per il Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita; Scienze dell’ambiente e della natura e Scienze della comunicazione per il Dipartimento di Scienze teoriche e applicate. E stand informativi per i Corsi di Laurea in Informatica e in Ingegneria per la sicurezza del lavoro e dell’ambiente, con sede a Varese.

Grande partecipazione – oltre 130 studenti – per la prova di verifica della preparazione iniziale per i corsi di laurea in Giurisprudenza, Turismo e Mediazione. Un buon numero di studenti si è cimentato anche nella prova di verifica per il corso di laurea in Economia e management, con sede a Varese, e nella simulazione del test di ammissione ai Corsi di Laurea a numero chiuso dell’Area Medico-Sanitaria.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.