Dai nuovi aerei ai nuovi simulatori, tante novità a Volandia

Nuovi aerei, ma anche la area simulatori a più livelli e il nuovo allestimento delle collezioni di modellismo, un museo nel museo

Volandia generico

L’area con i simulatori multi level, un Fokker 27 cargo, un aereo acrobatico Katana 30 e tante altre sorprese

Che a Volandia il “work in progress” sia una parola d’ordine che permette al museo di non essere mai uguale a se stesso, è sotto gli occhi di tutti. E lo sarà ancor di più da sabato 4 marzo con l’avvio della stagione primaverile che riserverà al pubblico grandi novità (museo aperto tutti i giorni tranne il lunedì). A partire dalla nuova sezione simulatori che si snoda lungo un percorso adatto sia a chi si avvicina al volo virtuale per la prima volta sia a chi, invece, è già un “pilota” esperto.

Il nuovo padiglione simulatori è infatti composto da alcune postazioni di training, dove i visitatori possono “esercitarsi” prima di passare alle postazioni “cockpit” per poi concludere il percorso con il simulatore MB339 che richiede capacità di volo avanzate. È possibile anche prenotare le sessioni di volo simulato direttamente dal sito (www.volandia.it) con un piccolo contributo di 2 euro all’associazione di Volontari che gestisce e sviluppa il padiglione simulatori. Pezzo di punta è il nuovo A129 Mangusta in cui il pubblico, a breve, potrà assistere comodamente seduto a bordo alla proiezione di un filmato propedeutico per poi cimentarsi con il simulatore dell’A139 Leonardo. Salire a bordo del Mangusta sarà anche l’occasione giusta per un selfie indimenticabile.

Ma le novità per questa primavera non finiscono certo qui: è appena arrivato a Volandia – direttamente dall’aeroporto di Orio al Serio – un Fokker 27, cargo Miniliner che è stato posizionato nel prato fronte Malpensa vicino al Dc 9 presidenziale sul quale proseguono i lavori di restauro in vista dell’inaugurazione. Un altro velivolo di “grande stazza”, un biturboelica, sinonimo di sicurezza, tanto che negli anni Settanta la famiglia reale britannica era autorizzata a volare tutta insieme solo sui Fokker 27.

Volandia generico
il Fokker appena arrivato, visto dalla cabina del Dc-9 di Pertini

E poi ancora: sono entrati a far parte della grande famiglia di Volandia anche un Katana T30, monoplano monoposto acrobatico e coloratissimo, dalle alte prestazioni che raggiunge una velocità massima di 506 chilometri orari e un Monnet Monerai, aliante autocostruito da un gruppo di amici nel 1984 per poi essere modificato e trasformato in motoaliante con l’adozione di un piccolo motore a pistoni. In seguito fu montato un motore elettrico che consentì al Monnet Monerai di effettuare i primi voli nel 1988 raggiungendo una velocità massima di 190 chilometri orari.

Sono in fase finale anche lavori di recupero sul plastico Ogliari che tornerà a breve alla piena funzionalità con la circolazione contemporanea di 12 treni. E accanto alla Città ideale del professor Ogliari un vero e proprio Padiglione del Modellismo, con i 1200 modellini aerei della Collezione Piazzai, altri plastici ferroviari e la Collezione Carlo Bardelli: una sorta di museo del Modellismo dentro al museo del volo.

Volandia generico

«Tanti progetti e tanto impegno – commenta il presidente di Volandia, Marco Reguzzoni -. Ma la nostra filosofia è proprio quella di avere un museo in continua evoluzione, capace ogni volta di stupire».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.