Decathlon al Ponte di Vedano: nuovo incontro al Pirellone

Si cerca una soluzione che possa sbloccare il piano riqualificazione dell'area Ex Cartiera Sottrici al Ponte di Vedano, con l'insediamento di Decathlon e Bricoman

Vedano Olona - varie

Nuovo passo avanti verso una soluzione che sblocchi il piano riqualificazione dell’area Ex Cartiera Sottrici al Ponte di Vedano, con l’insediamento di Decathlon e Bricoman.

Ieri al 33° piano di Palazzo Lombardia, si sono incontrati i sindaci di Vedano Olona Cristiano Citterio, e di Lozza Giuseppe Licata, i rappresentante della Provincia e della presidenza di Regione Lombardia, per dare seguito agli impegni presi durante l’ultima riunione.

«Mantenendo fede alla promessa del 2 febbraio scorso la segreteria della Presidenza ha fatto una chiara sintesi della situazione per arrivare ad affrontare il nodo infrastrutturale del Decathlon che per impatto e dimensioni non ha ancora consentito il recupero dell’area dismessa – spiega il sindaco di Vedano Olona, Cristiano Citterio – C’è stato un impegno di tutti ad approfondire le varie ipotesi procedurali, tra cui la riapertura della conferenza servizi limitatamente alla prescrizione viabilistica, ipotesi da noi caldeggiata».

L’incontro si è chiuso con l’impegno di tutti a rispettare delle tempistiche brevi: «Ci ritroveremo entro la fine del mese di marzo per convergere verso una soluzione ragionevole e di buon senso nell’interesse del territorio».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ele1

    IL TERRITORIO non ha bisogno di altri centri commerciali!
    La viabilità è già troppo compromessa, basta cemento.
    E’ una farsa pensare che verrà assunto del nuovo personale, perché molte realtà territoriali consolidate da anni saranno costrette a chiudere.
    Non capisco per quale ragione si continui ad insistere ad un tale progetto.
    L’amianto il privato lo deve smaltire a spese sue! quindi anche quest’area dovrebbe essere bonificata come stabilisce la legge, a spese della proprietà.

Segnala Errore