Due ladri in manette grazie alle telecamere che controllano le targhe

Il sistema Ocr agli ingressi della città di Busto Arsizio hanno inviato un sms alla Polizia non appena i ricercati sono entrati in città con la loro auto. Gli agenti li hanno sorpresi mentre tentavano il colpo in un supermercato

controllo perquisizione posto di blocco polizia busto arsizio

Solo due settimane fa l’assessore alla Sicurezza del Comune di Busto Arsizio Massimo Rogora aveva voluto svelare il funzionamento degli occhi elettronici (le telecamere del sistema O.C.R.) posizionati nei punti di accesso alla città che permettoni di rilevare quante auto passano ogni ora sotto quelle telecamere, le targhe, se hanno effettuato la revisione, se hanno l’assicurazione in regola e se le stesse auto risultano rubate.

A pochi giorni di distanza, grazie ad un mix di intuito investigativo e utilizzo delle moderne tecnologie, ieri mattina (mercoledì) la Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio ha potuto cogliere in flagranza di reato e arrestare due ladri “seriali” che, come già avevano fatto in altre località della provincia, avevano appena messo a segno un colpo in un supermercato di viale Pirandello.

Nei giorni scorsi la Questura di Varese aveva diramato una nota secondo la quale alcuni soggetti non identificati, a bordo di un’autovettura Fiat Punto, erano soliti rubare merce di ingente valore esposta per la vendita nei supermercati. Colpi di questo tipo erano stati commessi anche in località sul Lago Maggiore ma, mentre era nota la targa della vettura, probabilmente intestata a un terzo compiacente, nulla si sapeva dell’identità dei ladri.

Le Volanti del Commissariato di via Ugo Foscolo hanno sfruttato le risorse del sistema O.C.R. – controllo targhe , recentemente attivato in città dall’Amministrazione comunale, che consente la lettura anche notturna e la memorizzazione delle targhe delle vetture in entrata e in uscita da Busto Arsizio, permettendo anche di collegare targhe “interessanti” dal punto di vista investigativo ad “alert” che vengono inviati a telefoni cellulari quando le targhe in questione transitano dai varchi presidiati elettronicamente.

I poliziotti hanno quindi inserito la targa della Punto nel sistema e ieri mattina, ai loro cellulari, è arrivato un SMS che segnalava che la macchina era entrata in città. Un giro di perlustrazione della zona prossima al varco interessato ha permesso alla Volante di individuare la Punto ferma nel parcheggio di un supermercato di via Pirandello, con un uomo a bordo. I poliziotti si sono appostati e poco dopo hanno visto uscire dall’esercizio commerciale un secondo individuo con un grosso borsone, che ha raggiunto il compagno sulla vettura.

A quel punto la Volante è intervenuta e, con l’ausilio di agenti motociclisti della Polizia Locale, ha bloccato la Punto identificando i due uomini come cittadini romeni, di 35 e 27 anni, con precedenti per reati contro il patrimonio. Nel borsone c’era merce per un valore di circa 700 euro, in particolare bottiglie di champagne, appena rubata dagli scaffali del supermercato.
I due stranieri sono stati arrestati in flagrante furto aggravato in concorso.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 16 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.