I Giovani pensatori diversamente abili presentano la casa comune

Verrà presentata mercoledì 22 marzo la casa costruita mattone su mattone per consentire a tutti di esprimere il proprio pensiero. L'iniziativa realizzata per il progetto dell'Insubria

Villa Toeplitz

“Costruire la casa comune: il progetto dei giovani pensatori diversamente abili” è l’iniziativa che animerà il pomeriggio di mercoledì 22 marzo, dalle ore 15 alle 17.30, a villa Toeplitz, sede dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Una casa costruita mattone su mattone per consentire a tutti di esprimere il proprio pensiero, dai piccoli della primaria agli studenti delle superiori che stanno terminando l’iter scolastico.

L’iniziativa pensata dal professor Fabio Minazzi, nell’ambito dell’ottava edizione del Progetto Giovani Pensatori, vede protagonisti anche alcuni genitori ricchi di creatività e di passione.

Mamme speciali che hanno i loro piccoli all’Istituto Silvio Pellico, alle prese con la costruzione di un androide per comunicare o con nuove associazioni in difesa dei diritti dei più deboli come “Articolo 3″. Ci saranno anche le riflessioni di due studenti dell’Istituto Manzoni e del “De Filippi”, e le loro legittime preoccupazioni sul mondo del lavoro.

«Un’occasione per comprendere come interpretano il futuro e l’adultità – spiega Marina Lazzari del Centro insubrico – e scoprire il bisogno di sentirsi utili e capaci di dare agli altri».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.