La festa delle donne è tutti i giorni

Un intero pomeriggio dedicato all' evento: "La nostra voce contro la violenza sulle donne”. Lettura, musica e riflessioni

Morazzone

La festa delle donne ..ogni giorno! Ed è così che, a Morazzone “le donne del venerdì “ in collaborazione con la Biblioteca Comunale hanno pensato di organizzare la “Giornata Evento: Morazzone – la nostra voce contro la violenza sulle donne”, dedicando a questo tema un intero pomeriggio, domenica 26 marzo.
Una manifestazione che è già alla seconda edizione, dopo quella dello scorso anno.

L’Evento si è tenuto nella sala Mazzucchelli della Biblioteca comunale con una ricca partecipazione non solo di donne, di ogni età, ma anche di uomini, evidentemente sensibili a questo tema.

L’incontro si è sviluppato attraverso tre momenti: la lettura di una selezione di brani tratti dagli scritti di donne celebri, impegnate nella lotta delle donne per l’emancipazione, la parità dei diritti e contro la violenza sui loro corpi, spaziando da Eleanor Roosevelt a madre Teresa di Calcutta.
In questa prima parte si sono alternate al microfono proprio “ le donne del venerdì”; nella seconda parte sono state protagoniste le volontarie dell’associazione EOS di Varese, Franca e Alida, che non solo hanno parlato della loro delicata attività sul campo, nei Centri di ascolto, ma hanno illustrato  le tante, spesso subdole forme di violenza di cui una donna può restare vittima.
Violenza non solo fisica, ma anche morale, capaci di minare anche in modo irreparabile la resistenza psicologica delle vittime, al punto da farle sentire inadeguate, addirittura colpevoli e spingerle in un tunnel senza luce.

Eos vuole essere la mano amica che aiuta a mantenere la rotta per non entrare in questo tunnel o per uscirne; la terza parte è stata quella della festa, di cui è stato protagonista il Gruppo “PERDUO” che con lo spettacolo “FEMMINENOTE” ha emozionato e coinvolto il pubblico con “ piccoli camei di musica e poesia volti a raccontare femminilità diverse. E’ così che la poesia di Alda Merini e di Alfonsina Storni si sono intrecciate alle note in un fascinoso viaggio tra ritratti femminili insoliti e magici”.

di
Pubblicato il 27 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.