La minoranza sbatte la porta sullo Statuto comunale

Documento approvato coi soli voti della maggioranza. Alberio: «Chi se ne va ha sempre torto: studino e si informino»

Varie

È stato uno dei consigli comunali più brevi della storia di Gavirate. Ma non per questo quei 12 minuti di durata sono privi di polemiche, i cui strascichi si rifletteranno sui già tesi rapporti fra i gruppi dell’assemblea cittadina, inclinati ancor di più sul tema dello Statuto comunale, votato questa sera, 2 marzo, con le sole mani alzate della maggioranza.


Si tratta di un documento che rappresenta l’atto principale di un Comune e contiene le norme fondamentali per l’organizzazione dell’Ente, una specie di “Costituzione” che riguarda la vita amministrativa di un paese o una città.

L’opposizione, al momento del voto, e dopo le dichiarazioni, si è alzata e compatta ha abbandonato l’aula.

Questa scelta è stata dettata secondo il capogruppo della minoranza Gianni Lucchina dal fatto che «le regole vanno scritte assieme e non decise da una sola parte». «Non era necessaria la fretta dimostrata dal sindaco, che dovrebbe scendere dalla cattedra e aprirsi al dialogo: non erano presenti scadenze per la presentazione di questo documento e si poteva fare istituendo una commissione ad hoc. Non ci è piaciuta la forma adottata per questa operazione, che in questo caso è anche sostanza. Non si arriva in Consiglio comunale con un documento da emendare: lo si vota dopo un lavoro preparatorio condiviso, che non c’è stato».

Sulla questione non è tardata ad arrivare l’opinione del sindaco Silvana Alberio: «Chi se ne va, ha sempre torto e per fare un’opposizione è necessario studiare, informarsi e conoscere le questioni. Non abbandonare l’aula. Al posto loro avrei lungamente dibattuto del contenuto, avrei discusso ed espresso il mio punto di vista. Tra l’altro lo Statuto è stato presentato alla conferenza dei capigruppo».

Fino a questa sera lo Statuto comunale di Gavirate era quello in vigore dal 1992, come il Regolamento, che però è un atto che disciplina in maniera dettagliata i vari settori dell’attività amministrativa sulla base delle linee essenziali indicate nel testo statutario.
Regolamento che il sindaco ha annunciato di voler rinnovare entro la fine dell’anno.

di
Pubblicato il 02 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore