La Società Ciclistica Crennese inaugura nuova sede e la mostra storica permanente

Sabato la cerimonia di presentazione del nuovo spazio in via Donatello, corredato da trofei, foto d'epoca e manifesti che raccontano la storia di una delle più antiche società d'Italia

Crenna generica

Continua la corsa per il rilancio della Società Ciclistica Crennese che, con il suo storico passato, è stata – insieme alla Siof di Pozzolo Formigaro e di Fausto Coppi – una delle società più importanti d’Italia  con i suoi campionissimi Prina, Ricci, Leoni, Pertusi, Giudici, Fornara, Zampini.

Con i suoi 93 anni di vita, la S.C. Crennese c’è ancora e sta bene: rimessa a nuovo da un gruppo di amatori che l’hanno nel cuore, guarda al futuro. «Indossare questa maglia ci rende orgogliosi e consapevoli che il nostro compito é importante» spiegano gli appassionati di ciclismo, che sabato 11 marzo inaugureranno un doppio spazio: la nuova sede e la mostra permanente sulla storia della Crennese.

La nuova sede risistemata in proprio dai soci – con un tocco “old style” negli ambienti – permette loro di ritrovarsi ogni martedì sera per organizzare l’attività sportiva ed è aperta a tutti coloro che desiderano condividere la passione per il ciclismo. «Lo dobbiamo alla Crennese, a Crenna e alla città di Gallarate e questo ci rende orgogliosi. Non ci fermiamo qui, questo è solo l’inizio! Il nostro progetto é inclusivo. Chi viene da noi e condivide lo spirito societario dei padri fondatori, diventa parte della Società. Tutti possono proporre e ritagliarsi un ruolo, partecipare alle attività sportive (uscite di gruppo,  randonnée e granfondo) per le quali ci prepariamo e alle attività extrasportive che organizziamo. Ogni buona idea viene valutata ed attuata».

Il nuovo Direttivo, eletto a fine 2016 e in carica fino al 2020 (così composto: presidente Sergio Giudici, vicepresidenti Luigi Causarano e Andrea Siviero, segretario Giorgio Locarno, consiglieri Danilo Barban, Vincenzo Cetrangolo e Luciano Galli) si sta impegnando al massimo.
«Siamo realisti. In periodi difficili per il ciclismo noi stiamo andando contro corrente. Il processo di “restauro” e rilancio è lento, ma costante. Ci stiamo lavorando da due anni. Mezzo passo alla volta per mettere solide basi, talvolta sbagliando e rimettendoci in gioco, questo per cercare l’assetto vincente.  Il sogno nel cassetto ce l’abbiamo e lasciamo a voi indovinare quale sia! Venite tutti a trovarci e a sostenerci».

La nuova sede si trova in via Donatello angolo vicolo Santa Margherita e sarà inaugurata sabato 11 marzo alle 16. Saranno presenti alcuni personaggi che hanno fatto la storia e Fabio Marzaglia, coautore con Luca Fornara del libro”Pasqualino Fornara, storia di un campione. Il corridore che sorrideva sempre”
La sede comprende anche la mostra permanente che racconta gli oltre 90 anni di storia attraverso foto d’epoca, trofei, manifesti, tra cui il materiale di alcuni campionati italiani e del Campionato del Mondo di ciclocross del 1954, tenutisi proprio a Crenna di Gallarate.
Nella giornata del 12 marzo saranno garantite visite guidate al mattino dalle 10 alle 13 e al pomeriggio dalle 15.30 al 18,30.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.