Ladro ucciso, la Lega chiede più polizia

La nota di Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda-Lega Nord.

carabinieri polizia varie

Riceviamo e pubblichiamo la nota a firma dell’onorevole.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda-Lega Nord

È inaccettabile che la Lombardia, che con 54 miliardi di tasse regalati dai suoi cittadini e dalle sue imprese mantiene tutto il ‘baraccone’, subisca ogni anno quasi 80mila tra furti e rapine: solo nel 2015, stando alle denunce, circa 52mila furti o rapine in abitazione e oltre 25mila furti in negozi o imprese.
Nell’ultima settimana in Lombardia si è più volte rischiato il morto per rapina: due giorni fa a Pavia uomo rapinato in centro è stato accoltellato, tre giorni fa un rapinatore a Milano è fuggito in auto infilando contro mano la Tangenziale Est provocando otto feriti, quattro giorni fa a Bergamo un uomo rapinato in strada di notte è stato preso a martellate in testa, senza dimenticare che il 24 febbraio un uomo è stato ridotto in fin di vita, massacrato dai rapinatori entrati nella sua villa nel bresciano.
Un bollettino di guerra. E solo nelle ultime due settimane.
I numeri parlano chiaro: occorre un deciso intervento del Governo, il ministro dell’Interno deve attivarsi per inviare più uomini e maggiori mezzi e risorse per pattugliare e presidiare il territorio e più fondi agli enti locali per potenziare illuminazione e telecamere di sorveglianza.
Ma non solo, se la Lombardia sta diventando un far west lo si deve anche alla politica dei vari Governi del Pd che con indultini, svuota carceri e depenalizzazioni di reati, ha rimesso in libertà o ha lasciato liberi i criminali.
Lo dichiara l’on.Paolo Grimoldi, deputato della Lega Nord e Segretario della Lega Lombarda-Lega Nord.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.