Nasce a Velate il “museo dei sogni”dei bambini della materna

Artisti, ballerini, benefattori ma anche vigili e il sindaco Galimberti sono i protagonisti dei viaggi fantastici degli alunni della scuola materna di Velate

progetto sognatori scuola materna di velate

Nella Scuola Materna di Velate si spalancano le porte ai sogni e ai sognatori: un progetto che incoraggia i bambini a perseguire il sogno nella convinzione che i limiti che ognuno si trova a dover fronteggiare costituiscano degli stimoli per poter germogliare e fiorire comunque nelle proprie attitudini e passioni.

Andando contro corrente, accantonando il clima critico e teso che contraddistingue questo periodo storico, decidiamo di investire su una visione rasserenante e rassicurante del futuro per i nostri bambini.

Dare attenzione a questo aspetto dell’abilità umana, sognare ad occhi aperti, ci permette di avvicinare i bambini rendendoli protagonisti nella costruzione di un patrimonio emotivo collettivo.

Il progetto parte da un’iniziale riflessione sui sogni ad occhi aperti attingendo direttamente da quelli emersi in classe e da quelli che i genitori dei bambini ci hanno confidato.

In un secondo momento sono stati coinvolti alcuni adulti all’interno della Scuola che con il loro esempio di “sognatori” che hanno realizzato la loro ambizione, hanno incentivato i bambini a credere nella propria.

I sognatori, diretti dalle due maestre Alessandra Jacona e Diletta Lombardo, hanno lasciato in eredità alcuni “ingredienti” su cui lavorare come ad esempio: la tenacia, la passione, l’impegno, il coraggio ecc.

Stanno “sognando” con gli alunni: il poliziotto Davide Bottelli, l’artista Paolo Colombo, lo sportivo Andrea Meneghin, i coniugi Reggiori con la loro esperienza umanitaria in Africa, l’associazione Art4sport di Bebe Vio, l’insegnante di danza e coreografa Francesca Restuccia accompagnata dalle ballerine Arianna Pasini e Silvia Colombo…

La materna di Velate ha aperto le porte anche a Davide Galimberti che ha risposto all’invito in qualità di “sognatore” oltre che di primo cittadino; con lui i bambini della  scuola hanno liberato nel cielo la “lanterna dei sogni” a simboleggiare l’universalità e l’importanza del voler coltivare i propri sogni.

Per non smettere di sognare e coinvolgere la cittadinanza si realizzerà un museo espositivo in una zona strategica di Velate con gli elaborati dei bambini, i contributi dei genitori. In tale occasione i visitatori troveranno a loro disposizione un “diario dei sogni” in cui poter depositare il proprio augurio, la loro speranza o semplicemente il loro pensiero.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore