Nuova casa per l’Fbc Saronno? Manca solo l’ok del Comune

Al futuro Saronno stadium manca solo l'approvazione dell'Amministrazione comunale.

varie

C’è un ambizioso progetto sportivo, gli investitori ci sono e persino il progetto è pronto: al futuro Saronno stadium manca solo l’approvazione dell’Amministrazione comunale.

Ma facciamo un passo indietro. Negli ultimi mesi una cordata di imprenditori ha presentato in Comune il progetto per una nuova struttura sportiva da realizzare alla periferia cittadina. Precisamente alle porte del quartiere Matteotti tra via Galli e viale Europa. Si prevede la realizzazione, con un investimento di 3 milioni di euro, di uno stadio all’inglese con una tribuna da 2 mila posti.

A completare la struttura anche una serie di servizi e strutture commerciali create con l’obiettivo di far vivere l’area, come succede per i più moderni impianti, non solo per la partite e gli allenamenti ma anche per altri eventi. L’impianto si integrerebbe con il centro sportivo Matteotti, già casa dell’Fbc Saronno, aumentando le potenzialità anche del centro giovanile. Inoltre se l’Fbc Saronno potesse contare su una propria “casa” il Colombo Gianetti, storico stadio comunale cittadino resterebbe completamente dedicato all’atletica portata avanti con passione, determinazione ed ottimi risultati dall’Osa. Tutti felici e contenti? No, perchè c’è ancora un ostacolo.

Nell’area in cui dovrebbe sorgere il nuovo stadio il Comune vuole realizzare un’area feste. “Quella dello stadio – spiega il sindaco Alessandro Fagioli – è una proposta che ha una serie di questioni da chiarire e che genera molte criticità. Non scarto nulla ma i temi vanno valutati a fondo”. Nessun no definitivo dunque: “Nell’area ci potrebbero anche stare entrambe le cose ma come detto generando una serie di problematiche”.

di
Pubblicato il 08 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore