Oltre 400 tra scout e studenti al “Thinking Day – Pensare Giusto” del Parco Groane

Particolarmente emozionante e significativo è stato lo scambio finale di cartoline su cui ogni giovane partecipante ha scritto a penna la sua idea di pace

varie

Grande successo di partecipazione per il “Thinking Day – Pensare Giusto” che si è tenuto nella giornata di domenica presso il Centro Parco Polveriera, sede del Parco delle Groane. Abbiamo contato oltre 400 giovani e giovanissimi scout e studenti (nel pomeriggio) che hanno partecipato a questa iniziativa unica nel suo genere al Parco delle Groane. Erano presenti le seguenti associazioni: Agesci Saronno 1, Agesci Seregno 1, Cngei di Cesano Maderno, Assim di Solaro, Hashomer Atzair di Milano, i “richiedenti asilo” di Rete Bonvena, gli studenti dell’IC Comprensivo “Galileo Galilei” Barlassina e IC “A. Manzoni” Bovisio Masciago.

La mattinata è cominciata con l’alzabandiera e i saluti di Roberto Della Rovere, presidente del Parco delle Groane e Roberta Miotto dell’Associazione Senza Confini. Tra giochi, canti e balli si è arrivati all’ora di pranzo.

A metà mattinata particolarmente toccante è stato il ricordo di “Pier” Parravicini, amico dell’Associazione Senza Confini e del Parco delle Groane, tra i primi a valorizzare la nascita del Bosco dei Giusti. Presenti la famiglia e tanti amici.

Durante il pomeriggio ci si è trasferiti nel Bosco dei Giusti dove sono state scoperte le targhe in ricordo di due persone che agirono per il bene del prossimo: Alexander Langer, ecologista e pacifista altoatesino che si diede integralmente per creare ponti in una terra di forti divisioni; Agostino Andermark, capo Scout, Aquila randagia e Partigiano della Brianza. Una terza targa è stata dedicata in onore della giovane siriana Yusra Mardini, nuotatrice olimpica, che nell’agosto 2015 nuotando fino a riva salvò gli occupanti della sua barca in balia del mar Egeo che stava affondando, avvisando la Guardia Costiera.

Particolarmente emozionante e significativo è stato lo scambio finale di cartoline su cui ogni giovane partecipante ha scritto a penna la sua idea di pace. Un momento significativo e di condivisione.

Per l’occasione sono state donate a tutti i ragazzi le spillette a ricordo della giornata.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore