Varese News

Patologie trombolitiche: due giorni di convegno

Si terrà a Varese il 30 e il 31 marzo presso l’Hotel Palace il Convegno “Evidenze e nuove prospettive nel trattamento delle Patologie Tromboemboliche”

prof walter ageno ospedale di varese

Si terrà a Varese il 30 e il 31 marzo presso l’Hotel  Palace il Convegno “Evidenze e nuove prospettive nel trattamento delle Patologie Tromboemboliche”organizzato dal Centro Trombosi dell’Azienda Ospedaliera di Circolo di Varese in collaborazione con Elleventi.

Presidente del Corso il Prof. Walter Ageno, responsabile del Centro Trombosi e attuale presidente della Società Italiana per lo Studio dell’Emostasi e della Trombosi.

Si tratta di due giornate  dedicate alle ultime novità sulla gestione delle patologie tromboemboliche, ma anche alla ricerca in questi ambiti e alla  presentazione di attività in corso che vedono coinvolti in collaborazione con il centro di Varese numerosi centri italiani ed esteri.

In particolare, parteciperanno diversi esperti provenienti da tutta Italia che hanno creato insieme al centro di Varese una rete dedicata proprio a promuovere studi in questi ambiti clinici. Parteciperà anche il presidente del gruppo di ricerca francese (INNOVTE), prof Meyer di Parigi, con il quale esiste un’avviata collaborazione da anni.

Svariati gli argomenti affrontati durante la giornata del 30 Marzo: dal rischio trombotico ed emorragico nelle neoplasie mieloproliferative alla guida all’impiego dei farmaci anticoagulanti nei pazienti con patologie oncoematologiche, dalla variabilità stagionale, settimanale e giornaliera delle patologie cardiovascolari, fino alla guida alla stratificazione del paziente con embolia polmonare acuta.

Nella giornata del 31 Marzo protagoniste saranno tematiche quali: organizzare un ambulatorio per la gestione di pazienti trattati con anticoagulanti orali diretti, gestione della terapia ormonale dopo un episodio di TEV,  gestione delle complicanze emorragiche nei pazienti in trattamento con i DOACs, senza tralasciare  temi  quali: come utilizzare i farmaci anticoagulanti nel grande anziano, i fattori di rischio dell’ictus giovanile,  e quando iniziare la terapia anticoagulante dopo ictus ischemico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore