Più di 150 chili di droga sequestrati dall’Antidroga in Ticino

I dati delle attività di contrasto al traffico di stupefacenti effettuate nel 2016 dalla Polizia Cantonale

droga ciabatte varese

Importante anche nel 2016 l’attività delle squadre Antidroga in Canton Ticino. La Polizia cantonale ha reso noti i dati dell’anno scorso, dai quali emergono elementi consolidati, ma anche qualche brutta novità.

Ha fatto la sua comparsa nella Svizzera italiana un potente oppiaceo sintetico: il Fentanyl, estremamente pericoloso e molto difficile da dosare.

Per quanto riguarda i sequestri di droga, la collaborazione tra il Servizio antidroga della Polizia cantonale (SAD) e i suoi partner, ha permesso di intercettare nel corso del 2016 oltre 130 chili di marijuana (come nel 2015), 18.000 piante di canapa (16.500) e 11 chili di hashish (17).

Passando alle droghe più pericolose, sono stati sequestrati 4 chili di eroina (3.4), 7 chili di cocaina (55) nonché 40 grammi di Fentanyl.

Le persone imputate per reati riguardanti gli stupefacenti sono state oltre 1.500, di cui il 16% donne e il 14% minorenni. Gli arresti hanno raggiunto quota 130 (119) e le morti per overdose sono state 7 (5).

Si abbassa l’età dei consumatori

A livello internazionale viene confermato come il consumo di canapa sia sostanzialmente stabile, ma che l’età delle persone che necessitano di cure dovute all’uso di questa sostanza è in diminuzione. Anche per quanto riguarda le amfetamine si è notata una diminuzione dell’età dei soggetti che a seguito dell’abuso di questo genere di stimolante necessitano poi di una presa a carico terapeutica.

In Ticino gli importanti risultati ottenuti nell’ambito del contrasto al traffico di stupefacenti sono il frutto dell’attiva collaborazione con i principali partner della Sezione antidroga (SAD) della Polizia cantonale ossia le polizie comunali, le Guardie di confine, la Polizia dei trasporti e la Polfed.

Un’inchiesta per traffico di cocaina ha permesso di arrestare una decina di persone, di cui 6 residenti in Ticino.

Cocaina in mano a nigeriani e albanesi

Un’altra inchiesta ha permesso di porre fine ad un importante traffico di cocaina da parte di cittadini nigeriani nel Luganese.

Sono state arrestate quattro persone, sequestrati oltre 250 grammi di cocaina, e ricostruito un traffico superiore ai 600 grammi, venduti sotto forma di piccole dosi a numerosi acquirenti.
Altre due inchieste hanno invece visto come attori principali persone di origine dominicana attive nel traffico di cocaina, in particolare nel Sopraceneri. La prima inchiesta ha permesso di sequestrare circa 1.200 grammi di cocaina con l’arresto di 9 persone; mentre la seconda ha permesso di togliere dal mercato quasi 600 grammi di cocaina e di arrestare 4 persone. Il fenomeno dello spaccio di eroina al dettaglio da parte di gruppi di etnia albanese è proseguito anche nel 2016. In quest’ambito sono stati arrestati una decina gli spacciatori con il sequestro di 3 chili di stupefacente.

Più di 700 multati per la canapa

La Legge Federale sugli stupefacenti prevede la procedura della multa disciplinare canapa che permette in determinate circostanze di sanzionare con una multa di 100 franchi il consumo e il possesso fino a 10 grammi di canapa e derivati da parte di maggiorenni. Nel 2016 ne sono state comminate 737 (742 nel 2015).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.