Ricercatore di AIRC in cattedra all’istituto Crespi

Il dottor Simone Cenci, ricercatore presso l’Ospedale S. Raffaele di Milano e volontario AIRC, ha spiegato agli studenti cosa sia il tumore e cosa si fa nei laboratori di ricerca

cancro - airc

Non è cosa da tutti i giorni fare lezione con un ricercatore scientifico!

È quello che è successo in alcune classi seconde della Scuola Secondaria dell’Istituto Comprensivo Crespi di Busto Arsizio.

Il dottor Simone Cenci, ricercatore presso l’Ospedale S. Raffaele di Milano e volontario AIRC, ha incontrato i ragazzi spiegando loro cosa voglia dire e quanto stimolante possa essere oggi fare ricerca; ha inoltre evidenziato l’importanza dell’attività svolta da AIRC che ogni anno raccoglie fondi significativi destinati a finanziare i progetti più interessanti e innovativi in campo oncologico.

Tra l’altro, anche l’Istituto Crespi, aderendo al progetto “Cancro io ti boccio”, ha contribuito alla raccolta fondi allestendo presso la sede di via Comerio un punto di distribuzione delle “arance della salute”.

L’iniziativa ha permesso di raccogliere la cifra di tutto rispetto di 1089 euro.

Il ricercatore ha poi spiegato cosa sia il cancro , quali siano i fattori di rischio e, soprattutto, gli stili di vita vincenti che permettono di prevenire questa malattia tanto temuta.

Alla fine largo spazio alle numerose domande che gli alunni, particolarmente coinvolti dall’argomento, hanno voluto rivolgere al ricercatore. Un modo diverso di fare lezione che i ragazzi hanno apprezzato e che sicuramente ricorderanno.

Il dottor Cenci ha concluso il suo intervento invitando gli alunni più curiosi a visitare un vero laboratorio scientifico per poter comprendere “sul campo” cosa faccia un ricercatore. Al termine dell’attività, sono state rivolte parole di apprezzamento ai docenti, per come hanno preparato e sensibilizzato i ragazzi su una problematica non facile, e agli alunni per il loro coinvolgimento ed interesse scientifico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore