Rottweiler scappati, ora i vicini hanno paura: “Era già successo”

I vicini dell'uomo che si è inventato una rapina per giustificare la fuga dei due cani sono preoccupati e uno di loro racconta: "Era già successo che scappassero e una persona è stata morsa. Abbiamo paura quando esce con loro"

Cagnolini "a caccia" di padrone

Era già successo e i vicini sono piuttosto esasperati. La notizia dei due rottweiler scappati da un’abitazione di Cassano Magnago e ritrovati dopo alcune ore, sta allarmando i vicini del proprietario che li ha fatti scappare: «Era già successo – racconta un vicino – e in quel caso uno dei cani ha morso una persona ma precedentemente a farne le spese era stata la figlia della compagna dell’uomo».

C’è paura tra i residenti in quella zona di Cassano Magnago dopo l’episodio per il quale è stato denunciato: si sarebbe inventato una rapina in casa per giustificare la fuga dei due animali dal giardino di casa. «Quando esce per portarli a fare una passeggiata ci chiudiamo dentro per paura – racconta ancora il vicino – non ho nulla contro i cani ma non credo che il padrone sia in grado di gestirli».

Dopo il caso di Olgiate Olona dello scorso 17 febbraio, quando due pitbull azzannarono due bambine ferendole gravemente, la paura di ritrovarsi con padroni di cani potenzialmente pericolosi poco attenti, come vicini, è giustificabile. A Olgiate l’ufficio tutela animali ha anche organizzato un corso per il conseguimento del patentino.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 27 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore