Sabbia dal rubinetto, ecco perchè succede

Dopo alcune segnalazioni l'amministrazione spiega i motivi del fenomeno: "La potabilità dell'acqua non è in discussione"

acqua pubblica rubinetto

Sono arrivate diverse segnalazioni agli uffici comunali di Castellanza per chiedere conto di quella sabbiolina che in alcuni casi scendeva con l’acqua del rubinetto. Una situazione, quella della sabbia dal rubinetto, segnalata principalmente da alcune utenze condominiali ubicate nell’area di Castegnate tra la via Lombardia, via Italia, via Nizzolina e limitrofe, ivi compresi gli edifici pubblici, quali la scuola elementare in via Moncucco.

Proprio per questo l’amministrazione ha avviato una verifica con il gestore degli impianti, Amiacque, e assicura che le caratteristiche di potabilità dell’acqua erogata non sono in discussione.

Quindi perchè succede? “Il problema è particolarmente avvertito dalle utenze di edifici condominiali dotate di impianti interni di sollevamento mediante autoclave -scrive l’amministrazione in una nota-, impianti che in alcuni casi non sarebbero conformi al Regolamento del gestore del servizio in quanto “aspirano” l’acqua dalla rete, facilitando quindi l’immissione nell’impianto interno dei materiali solidi”. La sabbia è infatti naturalmente presente nell’acqua che viene sollevata in profondità dai pozzi della rete idrica.

Il materiale sedimentabile resta presente in rete per mesi, e questo nonostante l’incrementata attività di spurgo del gestore “che potrà essere sempre contattata al Servizio di Pronto Intervento e Reperibilità al numero 800.175.571“, puntualizza l’amministrazione.

L’acqua erogata alle utenze pubbliche e private è, quindi, potabile e pura come evidenziato dagli esiti dalle analisi condotte periodicamente da Amiacque e pubblicamente consultabili sul sito del gestore, cliccando qui.

Nel frattempo comunque sono stati avviati i lavori in via Don Gnocchi per il collegamento tra le reti acquedotto di Castellanza e Rescaldina, a seguito dei quali sarà facilitata la gestione delle pressioni e portate in caso di problemi locali su qualche pozzo, come recentemente avvenuto per il Pozzo di via San Giulio a Castellanza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.