Sea presenta il bilancio: crescono ricavi, utili e passeggeri

Il traffico passeggeri è arrivato a 29 milioni e quello merci a 549,4 mila tonnellate. I ricavi sono stati 653,5 milioni di euro in crescita dell’1,7%

malpensa

Il Consiglio di Amministrazione di SEA S.p.A. ha esaminato e approvato il progetto di bilancio dell’esercizio 2016 di SEA S.p.A. e il bilancio consolidato 2016 del Gruppo SEA che sarà sottoposto all’assemblea dei soci per l’approvazione tra il 28 aprile e il 3 maggio (prima e seconda convocazione).

In estrema sintesi la società presieduta da Pietro Modiano, che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate, presenta un bilancio con ricavi per 653,5 milioni di euro, in crescita dell’1,7%, e un utile netto di 93,6 milioni di euro, in crescita dell’11,7%. Con un traffico passeggeri che è arrivato a 29 milioni e un traffico Merci che si è attestato a 549,4 mila tonnellate.

“Il 2016 è stato un altro anno positivo per SEA – ha commentato il Presidente di SEA Pietro Modiano – I dati di bilancio confermano e rafforzano i progressi di redditività, efficienza e solidità finanziaria, già evidenti nei risultati del 2015, a testimonianza di una ripresa di natura strutturale e che appare sostenibile nel tempo, secondo le linee del piano strategico approvato di recente dal CdA”.

RICAVI
Nell’esercizio 2016 i ricavi di gestione (ricavi al netto della componente relativa ai lavori per beni in concessione), pari a 653,5 milioni di euro includono ricavi dell’attività Aviation per 409milioni di euro, dell’attività Non Aviation per 216,9 milioni di euro, del business General Aviation per 11,8 milioni di euro e del business Energy per 15,9 milioni di euro.

I ricavi di gestione risultano in aumento di 11,1 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente (+1,7%), che aveva beneficiato di 4 milioni di euro di ricavi non ricorrenti. Al netto di tali componenti e depurando i ricavi della società SEA Prime Spa in Signature Flight Support Italy S.r.l. (già Prime AviationServices S.p.A.) e dell’attività di refuelling (12 mesi nel 2015 e 3 mesi nel 2016), i ricavi risultano in crescita di 20,8 milioni di euro (+3,3%). Tale performance è prevalentemente determinata da:

Aviation, per 14,9 milioni di euro, per effetto dei maggiori volumi di traffico registrati sia nel segmento passeggeri che nel segmento cargo, beneficiando della capacità aggiuntiva offerta dai vettori favorita da un prezzo del petrolio costante durante tutto il 2016 e dalla disponibilità di nuove flotte;

Non Aviation, per 4,2 milioni di euro, che ha registrato risultati in crescita nei comparti shops, food & beverage e car rental. Anche l’attività dei parcheggi ha evidenziato un significativo incremento di fatturato, grazie al ripristino della piena operatività dei parcheggi chiusi nel 2015 per i lavori alla stazione ferroviaria del Terminal 2.
Energy, per 0,4 milioni di euro, a fronte dell’aumento dei ricavi per Certificati verdi e Certificati bianchi maturati nel 2016 e da un lieve aumento dei ricavi derivanti dalla vendita dell’energia termica. Si è registrata una diminuzione dei ricavi dalla vendita di energia elettrica;

General Aviation che a parità di perimetro, ha avuto un aumento dei ricavi pari a 1,3 milioni di euro prevalentemente derivanti dalle attività non aviation.

I COSTI DI GESTIONE
I costi di gestione dell’esercizio 2016, sono pari a 422,6 milioni di euro, in linea con l’esercizio precedente (-0,1%). Al netto delle componenti di costo non ricorrenti, e depurando i costi della società Prime Aviation Services e dell’attività di refuelling (12 mesi nel 2015 e 3 mesi nel 2016), i costi risultano in crescita di 4,1 milioni di euro (+1,0%). Il costo del lavoro, al netto di tali effetti, risulta in crescita di 4,9 milioni di euro, anche per effetto dell’ampliamento del perimetro di attività in ambito security. I costi esterni risultano in riduzione di 0,8 milioni di euro. Questo è avvenuto sia per effetto dell’incremento dei costi legati ai volumi di traffico per 6,6 milioni di euro sia per la consistente riduzione degli altri costi della gestione caratteristica per 7,4 milioni di euro.

EBITDA
L’EBITDA si è attestato a 234,4 milioni di euro a fronte di 223,1 milioni di euro al 31 dicembre 2015, in crescita del 5,1% (+11,3 milioni di euro). Al netto delle componenti non ricorrenti e a parità di perimetro, l’EBITDA risulta in crescita del 7,4% (16,6 milioni di euro).

RISULTATO OPERATIVO
Il Risultato operativo è pari a 150 milioni di euro in crescita del 2,7% rispetto ai 146,1 milioni di euro del 2015, mentre il risultato netto di competenza del Gruppo SEA ammonta a 93,6 milioni di euro, in crescita di 9,8 milioni di euro (+11,7%) rispetto all’esercizio precedente.

INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO
L’Indebitamento Finanziario Netto del Gruppo SEA a fine 2016 si attesta a 529,4 milioni di euro, in riduzione di 8,9 milioni di euro rispetto al 2015 (538,3 milioni di euro).

INVESTIMENTI
Gli Investimenti realizzati nel 2016 ammontano a 85,9 milioni di euro. Oltre al restyling del Terminal 1 di Milano Malpensa, sono stati ultimati i lavori per la realizzazione della nuova stazione ferroviaria al Terminal 2 e il relativo collegamento con il Terminal 1.

All’interno del Terminal 2 si sono conclusi i lavori di realizzazione dei nuovi filtri di sicurezza e dei nuovi banchi checkin e si è riqualificata l’area riconsegna bagagli.

Nell’area di Milano Malpensa Cargo sono stati completati i lavori di realizzazione del primo magazzino destinato a un vettore cargo e sono in corso i lavori per la realizzazione di un secondo.

Sono iniziate le attività di progettazione per gli interventi di riqualifica funzionale e restyling di Milano Linate, i cui principali obiettivi consistono nel migliorare la qualità percepita e l’immagine architettonica e complessivamente la passenger experience. Sono proseguiti nel corso dell’anno i lavori di costruzione dell’hangar 9 di Aviazione Generale, consegnato definitivamente al cliente nel mese di febbraio 2017. Investimenti di sviluppo significativo sono stati realizzati anche in ambito di Information and Communication Technology, con la progettualità tesa allo sviluppo dei canali digitali dalle nuove App fruibili in mobilità, e con il progetto di migrazione degli ambienti SAP ERP (Enterprise Resource Planning) in ambiente Cloud, basato sulla nuova tecnologia HANA.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore