Sentimenti, malebestie, ombre e luci di Vinicio Capossela

Il cantautore si è esibito sul palco del Teatro di Varese con il suo Ombra Tour tra vecchi e nuovi successi

Vinicio Capossela in concerto al Teatro Apollonio

“Più forte la luce più cupa l’ombra” dice Vinicio Capossela al pubblico che lo accoglie al Teatro di Varese con un tifo da stadio. Luci ed ombre sono anche e sopratutto le protagoniste di oltre due ore e mezza di concerto insieme alla sua straordinaria musica. Un viaggio tra le canzoni della cupa e altri spaventi che compongono l’ultimo lavoro del cantautore e poeta con una messa in scena teatrale fatta di personaggi, storie, racconti e costumi.

Galleria fotografica

Vinicio Capossela in concerto al Teatro Apollonio 4 di 33

Vecchi e nuovi successi fatti di sentimenti, assenze, malebestie, animali totemici, radici, proiezioni, ritrovamenti, defunti, archetipi, draghi, duplicità, governi, personalità che escono dai testi delle canzoni per materializzarsi nella vita di tutti i giorni tra sogno e consapevolezza. In questa ipnosi Capossela trasporta il pubblico durante tutto lo spettacolo a mezzo di strumenti ad arco e a corde, a mezzo di ombrografi, generatori d’ombre a valvole e manuali.

Non mancano evocazioni del mito e rimandi ancestrali, agresti e di frontiera che coinvolgono il pubblico per questo già mitico #OmbraTour.

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 24 marzo 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Vinicio Capossela in concerto al Teatro Apollonio 4 di 33

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore