Sicurezza e videosorveglianza, 624 mila euro per 37 Comuni

Finanziamento complessivo di 7,6 milioni di euro a 476 comuni lombardi. Il bando prevede un lotto A (5 milioni di euro) per impianti di videosorveglianza e un lotto B (2,6 milioni di euro) per dotazioni alle polizie locali.

videosorveglianza

624 mila euro per progetti legati alla sicurezza. Sono i fondi sbloccati da Regione Lombardia ed elargiti a 37 Comuni della provincia di Varese, nel quadro di un finanziamento complessivo di 7,6 milioni di euro a 476 comuni lombardi.

«Abbiamo pubblicato questa mattina le graduatorie dei progetti finanziati dalla Regione Lombardia in materia di sicurezza urbana. Grazie a questi soldi potranno installare impianti di videosorveglianza e dotare le polizie locali di veicoli e strumentazioni adeguate». Ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, presentando, all’Utr di Brescia, le graduatorie definitive. Il bando prevede un lotto A (5 milioni di euro) per impianti di videosorveglianza e un lotto B (2,6 milioni di euro) per dotazioni alle polizie locali.

FINANZIATI 253 PROGETTI

Sono statti finanziati 253 progetti, 140 di videosorveglianza e 113 relativi a nuovi strumenti per gli agenti delle polizie locali. Tra quelli ammessi risultano anche i due presentati dal Comune di Milano (80.000 euro di finanziamento regionale), quello presentato dal Comune di Brescia (30.000 euro di finanziamento regionale), i due di Lodi (80.000 euro dalla Regione), quello del Comune di Mantova per videosorveglianza (50.000 euro dalla Regione) e i due del Comune di Sondrio in unione con altri 5 comuni (130.000 euro dalla Regione).

ARRIVATE 634 DOMANDE, SERVE AUTONOMIA FISCALE

«Sono arrivate 634 domande di finanziamento per un totale richiesto dai Comuni di 17 milioni. Sono numeri – ha continuato Bordonali – che testimoniano il grido d’allarme dei nostri Enti locali in materia di sicurezza. Purtroppo lo Stato centrale è carente e la Regione non è riuscita a soddisfare tutte le richieste dei Comuni. L’unica strada percorribile è quella dell’autonomia fiscale. Tenendo anche solo una parte dei 54 miliardi di euro che ogni anno i lombardi danno in più allo Stato rispetto a quanto ricevono in servizi, potremmo garantire ai comuni tuttele risorse necessarie».

RIPARTIZIONE PER PROVINCE:

BERGAMO: 1.003.687,49 euro (33 progetti – 62 comuni)
BRESCIA: 1.814.938,31 euro (60 progetti – 97 comuni)
COMO: 508.131,71 euro (21 progetti – 51 comuni)
CREMONA: 442.279,44 euro (18 progetti – 41 comuni)
LECCO: 322.975,29 euro (13 progetti – 21 comuni)
LODI: 260.000 euro (9 progetti – 13 comuni)
MANTOVA: 354.398,24 euro (10 progetti – 18 comuni)
MILANO: 1.105.197,22 euro (31 progetti – 43 comuni)
MONZA BRIANZA: 381.923,38 euro (13 progetti – 12 comuni)
PAVIA: 488.522,40 euro (17 progetti – 44 comuni)
SONDRIO: 290.000 euro (7 progetti – 37 comuni)
VARESE: 623.942,48 euro (21 progetti – 37 comuni)

PROGETTI FINANZIATI IN PROVINCIA DI VARESE
LOTTO A: impianti di videosorveglianza

– U.C. del Medio Verbano (Azzio; Brenta; Caravate; Casalzuigno,
Cocquio Trevisago; Leggiuno; Monvalle; Orino; Sangiano) euro
30.000
– Unione Somma Lombardo (Somma Lombardo, Arsago Seprio; Casorate
Sempione) euro 80.000
– Unione Viggiu’ (Viggiu’, Clivio; Saltrio) euro 30.000
– Unione Cuveglio (Cuveglio, Brinzio; Cassano Valcuvia; Castello
Cabiaglio, Duno; Cuvio; Ferrera Di Varese, Masciago Primo) euro
30.000
– Unione Gavirate (Gavirate, Bardello, Bregano, Malgesso) euro
30.000
– Unione Jerago con Orago (Jerago con Orago, Solbiate Arno) euro
30.000
– Maccagno Con Pino E Veddasca euro 24.800
– Busto Arsizio euro 50.000
– Brebbia euro 30.000
– Bodio Lomnago euro 18.836,80
– Cazzago Brabbia euro 30.000
– Malnate euro 20.305,68

LOTTO B: dotazioni alle polizie locali

– Unione Cuveglio (Cuveglio, Brinzio; Cassano Valcuvia; Castello
Cabiaglio, Duno; Cuvio; Ferrera Di Varese, Masciago Primo) euro
20.000
– U.C. del Medio Verbano (Azzio; Brenta; Caravate; Casalzuigno,
Cocquio Trevisago; Leggiuno; Monvalle; Orino; Sangiano) euro
20.000
– Unione Somma Lombardo (Somma Lombardo, Arsago Seprio; Casorate
Sempione) euro 50.000
– Unione Jerago con Orago (Jerago con Orago, Solbiate Arno) euro
20.000
– Unione Gavirate (Gavirate, Bardello, Bregano, Malgesso) euro
20.000
– Bodio Lomnago euro 20.000
– Sesto Calende euro 20.000
– Vergiate euro 20.000
– Busto Arsizio euro 30.000

I Comuni che non sono stati finanziati
Molti sono i Comuni con progetti “ammessi e non finanziati”, a volte anche solo in uno dei due lotti: la graduatoria si basa su punteggi articolati, che prendono in considerazione diversi aspetti.
Guardando al lotto A ad esempio sono stati finanziati progetti che hanno ottenuto 18 o più punti. Hanno ottenuto 18 punti ma sono esclusi Caronno Pertusella, Sesto Calende (che ad esempio invece è ammesso al lotto B), Olgiate Olona, Arcisate, Venegono Inferiore, Mornago, Azzate, Porto Ceresio, Marcallo. Seguono, con punteggio decrescente: Oggiona con Santo Stefano, Taino, Albizzate, Cunardo, Porto Ceresio, Mercallo, Castiglione Olona, Lonate Ceppino, Saronno, Gallarate, Cassano Magnago, Tradate, Samarate, Cardano al Cempo, Induno Olona, Cislago Besozzo, Venegono Superiore, Cavaria, Castellanza, Angera, Gornate.
I dati completi sono pubblicati sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia, data 16 marzo (si trova qui, vedi pagine da 248 in avanti)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.