Torba, sanno di storia e tradizioni gli eventi del 2017

E' un calendario di eventi per tutta la famiglia quello proposto dalla primavera all’inverno 2017 al Monastero di Torba, .nella cornice del complesso millenario di Gornate Olona

E’ un calendario di eventi per tutta la famiglia quello proposto dalla primavera all’inverno 2017 al Monastero di Torba. Nella cornice del complesso millenario di Gornate Olona, il FAI – Fondo Ambiente Italiano propone una serie di appuntamenti dedicati ai bambini senza dimenticare mamma, papà e i visitatori più curiosi.

Galleria fotografica

Il fascino dei millenni nelle pietre di Torba 4 di 21

«Il monastero di Torba è un sito importante per il Fai – Ha spiegato Giuliano Galli, responsabile dell’area Prealpina del Fai – Innanzitutto perché è il primo bene acquisito dal Fondo, nel 1977, è stato acquistato, e poi donato al Fai, dalla nostra presidente onoraria Giulia Mozzoni Crespi quand’era ancora una fattoria in disuso. Ma è importante anche perché ora è inserito tra i beni Unesco legati ai Longobardi»

Un sito che «Accoglie ogni anno quasi 3500 studenti del territorio, e coinvolge molti iscritti al Fai – spiega Elena Ambrosoli, property manager Beni Fai Varese – E’ un luogo importante, che ha una storia antica e che è particolarmente dedicato e aperto a scuole e famiglie, con l’intenzione di farlo vivere il più possibile, nella quotidianità».

Gli eventi saranno perciò dedicati in particolar modo a loro, con una particolare attenzione alla memoria, alla storia e alle tradizioni:  «Da marzo a dicembre gli appuntamenti che si susseguiranno andranno incontro ai gusti di molti: ci sarà l’occasione di guardare le stelle, di scoprire antichi mestieri, di appassionarsi al mondo delle piante fino a scoprire mercatini di artigianato di qualità  – spiega Marta Spanevello, comunicazione ed eventi beni Fai Varese –  Le proposte per il 2017 sono pensate in stretto legame con la vocazione del luogo, le sue antiche tradizioni e la sua cultura».

Presentazione degli eventi a Torba

BAMBINI “SFIDATI” DA CREATIVITÀ E MESTIERI

Si moltiplicano per tutto il 2017 le attività per bambini con l’obiettivo di “sfidare” fantasia e creatività nei più giovani, come ingredienti indispensabili per lo sviluppo.

In questo spirito è organizzata la rassegna “Cosa vuoi fare da grande? Arte e mestiere del…”, due pomeriggi festivi (lunedì 1 maggio e venerdì 2 giugno) alla scoperta degli antichi mestieri. Come in una vera bottega, sotto la guida di un artigiano, i bambini potranno scoprire e sperimentare tutti i segreti del mestiere del falegname. Matite, tavole e colori saranno invece gli ingredienti del secondo appuntamento in compagnia di un illustratore: un’occasione unica per scoprire tutto sull’arte del fumetto e creare la propria storia.

Il ciclo “Mi racconti una storia?” avrà invece come tema l’arte della scrittura: domenica 19 marzo, martedì 25 aprile, domenica 14 maggio e 18 giugno saranno quattro occasioni per dialogare con un vero scrittore.

Domenica 21 maggio tornano inoltre “Le olimpiadi dei giochi dimenticati” grande festa dei giochi di una volta: corsa coi sacchi, tiro alla fune, ruba bandiera, un due tre stella, rialzo saranno i protagonisti di una giornata pensata per trasmettere ai più piccoli e alle famiglie l’importanza dello stimolo di fantasia e creatività e per riscoprire un prezioso patrimonio culturale come quello degli antichi giochi.

Infine, non mancherà l’appuntamento di martedì 31 ottobre con la festa più “spaventosa” dell’anno: in occasione di Halloween i giovani visitatori saranno condotti alla scoperta misteriose vicende del monastero, i cupi racconti di presenze che ancora adesso aleggiano nel luogo.

UN MONASTERO FIORITO

Domenica 9 aprile, dalle 10 alle 18, torna l’ormai tradizionale appuntamento con “Fiori al Monastero”, la quinta edizione della mostra e mercato di fiori primaverili, dove si può trovare il meglio della produzione florovivaistica italiana, con esperti del settore ed espositori selezionati che presenteranno il meglio delle loro collezioni: le prime fioriture di rose, peonie, piante erbacee perenni, tra cui differenti varietà di heuchera, alchemilla, aquilegia, achillea, geum, graminacee, dianthus. E ancora arbusti fioriti, lonicera e piante annuali dalle spettacolari fioriture, oltre a piante aromatiche. Oltre alla ricca varietà di piantela mostra mercato ospiterà  anche arredi, attrezzi e prodotti per la cura del verde.

TORBA ALL’ARIA APERTA

Il FAI propone, in occasione dei Picnic di Pasquetta (lunedì 17 aprile) e di Ferragosto (martedì 15 agosto) un’escursione in bicicletta alla scoperta del territorio, dal Monastero al borgo di Castiglione Olona con possibilità di noleggio bici al monastero, per godersi una passeggiata lungo la pista ciclabile dell’Olona, tra luoghi antichi e scorci di archeologia industriale.

Per tutti coloro che vorranno trascorrere la giornata in relax, come di consueto, anche quest’anno si ripeteranno nel grande prato sottostante la torre secolare tante attività sportive e ludiche all’aria aperta, divertenti laboratori creativi e picnic con pietanze della tradizione locale.

EVENTI SPECIALI

Torna anche nel 2017 la rassegna “Astronomi per una notte”, in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico “G.V. Schiaparelli” del Campo dei Fiori di Varese: quattro serate nei beni del FAI a Varese dedicate alla scoperta della volta celeste, delle stelle e della luce grazie a incontri e osservazioni del cosmo con l’ausilio di telescopi. Al Monastero di Torba, appuntamento venerdì 14 luglio, con la proiezione di immagini scattate con i più sofisticati telescopi del mondo cui seguirà una vera e propria osservazione astronomica nel parco. Anche in occasione della “Notte di San Lorenzo” giovedì 10 agosto il bene aprirà le sue porte in notturna per osservare le stelle al riparo dalle luci e dalla frenesia della vita cittadina.

Sempre per la rassegna estiva torna la performance de I Solisti Ambrosiani con una delle tappe del Festival “Musica Sibrii 2017”, un viaggio immaginario nelle corti del Rinascimento con canti e musiche d’epoca eseguiti con strumenti ricostruiti in base alla tecnica originale, cui si alterneranno letture di liriche dei maggiori poeti e poetesse del tempo.

Per la stagione autunnale, in occasione delle “Giornate europee del Patrimonio” (sabato 16 e domenica 17 settembre, domenica 1 e 15 ottobre) verrà proposto il ciclo di conferenze “A tu per tu con lo specialista”: tre incontri dedicati all’approfondimento di aspetti storici, artistici, archeologici e antropologici del bene e della sua storia, con momenti di studio e attività nell’ambito di ricerca trattato.

Domenica 12 novembre si celebrerà l’“Estate di San Martino”, come ogni anno l’ultimo ricordo del tepore estivo con una festa dal sapore agreste. Un’occasione per rivivere la storia del luogo ricordando un tempo deputato al rinnovo dei contratti agricoli annuali a cui i contadini brindavano schiudendo le prime botti di vino novello.

Il calendario eventi si chiude domenica 3 dicembre con l’evento “Natale Al Monastero”, che quest’anno sostituirà la consueta mostra mercato con una proposta del tutto nuova, tra presepi antichi e allestimenti con una speciale attenzione alle tradizioni contadine che hanno rivestito un ruolo cruciale nella storia del luogo. Un incanto fatto di tradizione che si rivolge ai visitatori più curiosi che vogliono varcare la soglia delle usanze locali per vivere un momento magico.

UN MENU STORICO E SOLIDALE

A Torba anche il ristorante è speciale: a gestirlo,  con la cura e il gusto tipico delle attenzioni del Fai e una grande attenzione agli ingredienti,  è infatti una cooperativa sociale di Venegono Superiore, con una grande storia di aiuto al lavoro per le persone disagiate e una nuova ma importante storia nella gastronomia: “Il Giardino del Sole“: che già da qualche ha aperto nella sua sede di Venegono superiore una mensa-ristorante con prodotti a chilometro zero, prevalentemente coltivati dai lavoratori della cooperativa, e ora hanno preso in in gestione – da due anni – il suggestivo ristorante di Torba.

Oltre a prodotti del territorio e vini di Morazzone, la specialità del ristorante è il “Bastone di torba“: un bastone di legno di faggio (naturalmente sanificato…) avvolto con pancetta e roastbeef arrostiti alla griglia, che sta diventando un must del ristorante e dello chef Andrea.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Il fascino dei millenni nelle pietre di Torba 4 di 21

Video

Torba, sanno di storia e tradizioni gli eventi del 2017 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore