400.000 euro per far rinascere via Matteotti: “Sarà una piccola Brera”

Grazie ad un bando di Regione Lombardia la via verrà risistemata e saranno incentivati gli imprenditori che vorranno investire lì

via matteotti busto arsizio

Anche il Comune di Busto Arsizio è tra i beneficiari del bando STO@ 2020, “Successful Shops in Towncenters Through Traders, Owners & Arts Alliance”, promosso dalla Regione Lombardia per contrastare la desertificazione commerciale delle città e per aumentare l’attrattività dei centri urbani.

19 in tutto i comuni lombardi che potranno contare su 2.098.000 Euro per finanziare progetti per un importo complessivo di 7.489.855 Euro.

Il progetto presentato dal Comune di Busto Arsizio e dai suoi partner (Duc, Ascom, Agesp Energia e Agesp Attività Strumentali”) riguarda in particolare il rilancio di via Matteotti. Il titolo del progetto è “Ravviviamo la nobiltà della via Matteotti”, l’antica strada nel cuore del centro storico della città, su cui sorgono diversi edifici di epoche diverse storiche e alcuni gioielli artistici e architettonici come il Conventino del XV secolo, l’edicola di san Carlo Borromeo e un affresco settecentesco di Biagio Bellotti. Nell’Ottocento Corsia Ticino, poi fino al 1944 via Principessa Elena, si caratterizzava per l’insediamento di botteghe sul fronte strada, ed era un punto di riferimento per la vita sociale ed economica di quel periodo.

Il percorso di riqualificazione vuole consentire l’integrazione tra i vari elementi della produzione architettonica passata, trasformando la Via Matteotti nel “cuore pulsante” del centro –una piccola Brera, secondo la definizione dell’Amministrazione-, inserendo al suo interno servizi e negozi che la rivitalizzino e siano di pubblica utilità.

Da una rilevazione effettuata sulla via sono sette i negozi sfitti e in stato di non perfetta conservazione: la riqualificazione partirà dall’adeguamento di questi spazi alle norme vigenti, anche con ristrutturazioni degli interni, per favorire l’utilizzo da parte dei commercianti che vorranno investire nell’iniziativa, beneficiando sia del contributo regionale, sia di un canone d’affitto ribassato per i primi tre anni di attività. Il Distretto del Commercio svolgerà il ruolo di facilitatore dell’incontro tra il pubblico e il privato e tra domanda e offerta dei diversi soggetti interessati, con un importante risparmio nelle tempistiche.

Si occuperà inoltre di organizzare eventi che possano rivitalizzare la zona. Intanto un importante intervento per la rinascita della via, la riqualificazione del parcheggio con accesso dalla via S. Michele, è già stato realizzato: nel progetto è prevista ora l’ esecuzione di due accessi pedonali a via Matteotti attraverso Vicolo S. Carlo Borromeo e vicolo Albrisi. Non mancheranno la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione e l’estensione del servizio di la filodiffusione e di wi-fi gratuito.

Il progetto ha un valore complessivo di 400.000 Euro: le voci di costo più importanti riguardano le opere di ristrutturazione degli spazi commerciali sfitti e dismessi e gli interventi di miglioramento delle aree ad uso pubblico. Ovviamente soddisfatti il sindaco Antonelli e il vicesindaco e assessore al Commercio Stefano Ferrario: «la riqualificazione del centro storico e il miglioramento della sua attrattività sono elementi di sviluppo e di crescita fondamentali per la nostra città -dicono- e ci auguriamo che il contributo regionale incentivi commercianti e imprenditori a mettersi in gioco. L’amministrazione farà la sua parte nel suo ruolo di capofila e di coordinamento dei vari partner del progetto».

Grazie all’importante lavoro svolto dal Distretto del Commercio nel corso degli ultimi anni, la via è stata oggetto di interesse anche nel precedente bando proposto da Regione Lombardia “Fare Impresa in Franchising”, tanto che, in via Matteotti proprio all’angolo con la Via Montebello, si è insediato un marchio importante (Kasanova), biglietto da visita per l’ingresso nella via, che invoglia la clientela a percorrere l’intera via.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 marzo 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.