Ghirla, una raccolta fondi per salvare la vecchia stazione

Il crowfounding ha l'obiettivo di arrivare a 180.000 euro per il restauro. "Partita la chiamata a collezionisti che donerebbero opere di alto valore"

Avarie

C’è un progetto per preservare la stazione dei tram di Ghirla, realizzata all’inizio del secolo scorso dal grande architetto Giuseppe Sommaruga. E per farlo è stato lanciato un crowfounding: la raccolta fondi on line ha l’obiettivo di raggiungere la cifra di 180.000 euro in 5 mesi.

Galleria fotografica

La stazione di Ghirla 4 di 8

La stazione, e le sue famose pensiline, sono ancora oggi utilizzate come scalo per le linee autobus da e verso Varese. L’immobile, di proprietà del demanio dello Stato, ospita la biglietteria delle autolinee.

Avarie

«Il recupero di una stazione come ”Ghirla” rimane senza dubbio un’impresa straordinaria, avvincente per la città e la commemorazione di un grande maestro come Giuseppe Sommaruga» dice Andrea Speziali, direttore artistico dell’Istituzione culturale Italia Liberty e curatore della mostra ”Giuseppe Sommaruga (1867-1917). Un protagonista del Liberty“, in corso in questi giorni.

Il 16 aprile è stata attivata la raccolta fondi online sul sito “Buonacausa“, e ad oggi, martedì 18 aprile, sono stati donati 80 euro.

«Nel frattempo – fa sapere Speziali – sono arrivate diverse chiamate da parte di collezionisti privati che sarebbero disposti ad omaggiare opere d’arte di medio-alto valore artistico da bandire in un’asta e i cui fondi lasciarli all’organizzazione della salvaguardia. L’ente organizzatrice, Aitm Art (Torino) assieme Italia Liberty ringraziano tutti coloro che prestano aiuto per questa causa».

«L’invito – conclude Andrea Speziali – è indirizzato anche al FAI per predisporre volontari a ripulire con ”olio di gomito” questo capolavoro. L’obbiettivo è di far rinascere il turismo culturale a Varese grazie anche a questo centenario».

Solo qualche giorno fa Varesenews ripercorse le tappe della tramvia della Valganna in un reportage di come i segni del passaggio di questa importante via di transito siano ancora oggi visibili nelle stazioni e fermate riadattate a costruzioni pubbliche e private nella valle un tempo percorsa dai binari che da Varese portavano fino a Luino e alla Valcuvia.

di andrea.camurani@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La stazione di Ghirla 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.