Nel battistero della Basilica la mostra su Rolando Rivi

Il Centro Culturale Tommaso Moro porta in città la mostra dedicata al giovanissimo seminarista ucciso nel 1945

Italia Mondo generiche
Le foto di Italia Mondo

Dal 22 aprile al 1° maggio 2017 il Battistero della Basilica S. Maria Assunta a Gallarate (ingresso da Corso Italia) ospita la mostra “Io sono di Gesù”, dedicata alla figura del beato Rolando Rivi, “testimone di verità”.

“Il 27 marzo 2013 Papa Francesco ha autorizzato la promulgazione del decreto di beatificazione di Rolando Rivi, seminarista martire, ucciso alla fine della seconda Guerra Mondiale. Rolando, solo quattordicenne, fu rapito a Castellarano (RE) dove viveva, e poi torturato e ucciso il 13 aprile 1945 a Monchio (MO) da alcuni partigiani comunisti che ne odiavano l’attaccamento a Cristo e la continua testimonianza che la sua vita era per altri giovani. Il 5 ottobre 2013 a Modena, è stata celebrata la cerimonia di beatificazione”.

“La Mostra illustra la vita, la testimonianza di fede e il martirio di un ragazzo che voleva essere tutto e solo di Gesù e rappresenta un’occasione di incontro con un testimone, icona dei martiri del XX secolo, che “innamoratissimo di Gesù”, ci guida a porre Cristo al centro dell’esistenza, anche nelle circostanze più difficili”.

Ingresso libero. Inaugurazione sabato 22 aprile 2017, ore 10.30. Orari di apertura: feriali 16.30 – 19.00 / 21.00 – 22.30; sabato e festivi 10.00 – 12.30 / 16.00 – 19.00 / 21.00 – 22.30

Visite guidate gratuite (per scuole e gruppi su prenotazione):
tel. 0331 -797833 (ore pasti); cctmg@libero.it

MERCOLEDI’ 26 APRILE
Aula Magna Istituto Sacro Cuore – via Bonomi, 4 – Gallarate –ore 20.45

INCONTRO DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA

Relatore: Emilio Bonicelli, giornalista e scrittore, curatore della mostra.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.