Niente referendum: il decreto su voucher e appalti diventa legge

Anche il senato ha approvato il decreto legge per l'abrogazione delle disposizioni sul lavoro accessorio e sulla responsabilità solidale in materia di appalti. Susanna Camusso (Cgil): «Ora abbiamo un Paese migliore»

voucher

Dopo il sì della camera dei deputati, arriva anche quello del senato che ha approvato il decreto legge per l’abrogazione delle disposizioni in materia di voucher (lavoro accessorio) e per la modifica delle disposizioni sulla responsabilità solidale in materia di appalti. L’aula di Palazzo Madama ha respinto tutti gli emendamenti e dato via libera al provvedimento, che dopo il sì della Camera diventa legge, con 140 sì, 49 no, 31 astenuti. Con l’approvazione definitiva della legge è formalmente archiviato il referendum del 28 maggio, che convocava gli italiani ad esprimersi esattamente su voucher e responsabilità solidale negli appalti. Sarà la Corte di Cassazione a esprimersi.

La Cgil, che aveva promosso il referendum, incassa questo successo e prosegue nella campagna per la Carta dei diritti universali sul lavoro, presentata in Parlamento dalla confederazione per una legge di iniziativa popolare. «Da oggi abbiamo un Paese un po’ migliore di come l’avevamo prima». Sono queste le prime parole di Susanna Camusso, segretario generale della Cgil, dopo l’approvazione del Senato della legge. Il segretario della Cgil ha parlato di un «risultato importante» e di una «giornata di festa», perché «abbiamo raggiunto un nostro obiettivo, abbiamo mobilitato il paese con idee, proposte e partecipazione, e alla fine abbiamo avuto ragione».  (fonte, Rassegna sindacale)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 aprile 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.