Rifiuti, bene la differenziata sotto la Madonnina

Differenziata in otto anni passata dal 51 al 64%. Meno spazzatura, che cala del 7,6% in otto anni

Avarie

Circa 982 mila tonnellate: è questo il peso della raccolta differenziata a Milano e provincia in un anno (secondo le dichiarazioni ambientali del 2016) e rappresenta quasi due terzi del totale dei rifiuti raccolti (64%).

Era meno del 51% otto anni fa. Ogni milanese produce in media 1,38 Kg di rifiuti, una quantità in diminuzione del 7,6% rispetto alle dichiarazioni del 2008.

Ha dichiarato Alberto Meomartini, vice presidente della Camera di commercio di Milano: “I milanesi danno un contributo concreto all’ambiente ogni giorno grazie al loro comportamento virtuoso. Una caratteristica che si va ancor più rafforzando negli ultimi anni. La Camera di commercio si dedica alle tematiche di ambiente e comportamenti corretti da parte di imprese e consumatori. Si tratta di un tema centrale per difendere il nostro patrimonio, che vede protagoniste le imprese attente alla responsabilità sociale, alla base della qualità della vita dei cittadini”.

Raccolta, trasporto, smaltimento rifiuti, bonifica + 62% in Lombardia. Crescono del 62% in nove anni le iscrizioni all’Albo nazionale dei gestori ambientali, sezione Lombardia, tenuto dalla Camera di commercio di Milano: sono oggi oltre 36 mila, quasi un quarto del totale italiano. Le imprese iscritte in Lombardia: Milano da sola ne conta più di 8 mila, seguita da Brescia con 6 mila e da Bergamo con 5 mila. Rispetto al 2007 a superare la crescita media lombarda sono Sondrio ma anche Milano e Monza insieme, Brescia, Varese e Lecco. Le attività più richieste dalle imprese lombarde del settore, oltre al trasporto dei rifiuti conto proprio (32 mila), sono la raccolta e il trasporto di rifiuti non pericolosi (quasi 3 mila) e l’intermediazione e commercio di rifiuti (1.465). Si aggirano sulle mille quelle che si occupano di raccolta e trasporto di rifiuti pericolosi così come di RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) e di bonifica di beni contenenti amianto. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano su dati Albo nazionale dei gestori ambientali a maggio 2016 rispetto al 2007.

La Camera di commercio è attiva nella regolazione del mercato, per promuovere un funzionamento trasparente ed efficiente, soprattutto in un settore importante come quello ambientale, dove sono centrali la garanzia e la serietà del servizio – ha dichiarato Marco Accornero, presidente della Sezione regionale Lombardia dell’Albo nazionale gestori ambientali della Camera di commercio di Milano-. Per quanto riguarda i gestori ambientali abbiamo provveduto alla telematizzazione dell’Albo in un’ottica di semplificazione nella gestione delle pratiche e degli adempimenti che si traduce in vantaggi e risparmi per le imprese iscritte”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 aprile 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.