Uyba a fine corsa: la Pomì vola in semifinale

Senza Signorile e con Diouf e Martinez a mezzo servizio, Busto cede 3-0 nello spareggio dei quarti

UYBA - Pomì Casalmaggiore, 2-3
Piuttosto noiosa la finale per il terzo posto al Torneo Mimmo Fusco tra UYBA e Pomì Casalmaggiore, terminata 2-3 (23-25, 14-25, 25-21, 21-25, 12-15) a favore delle ragazze di coach Barbolini.

La stagione 2016/2017 della UYBA finisce al Pala Radi di Cremona dove le farfalle, complice anche un po’ di sfortuna, perdono per 3-0 (25-22, 26-24, 25-18) gara 3 dei quarti di finale, dopo aver illuso, con la vittoria di mercoledì sera, di potersi conquistare un posto nelle semifinali.

Stagione agrodolce ma con alcuni rimpianti per una formazione che deve “accontentarsi” del secondo posto in CEV Cup e che nei momenti salienti non è stata in grado di portare a casa un risultato positivo. In Gara 3 a complicare la vita delle farfalle, sono arrivati il torcicollo di Signorile, costretta e guardare la partita dalla panchina e l’allergia di Diouf che l’ha messa fuori dai giochi dopo il primo set. Una stagione costellata da diversi guai fisici, che però non possono diventare il paravento dei troppi errori fatti, della mancanza di quella “fame” di vincere che mette la fatica in secondo piano.

Un applauso invece alla Pomì Casalmaggiore dell’albizzatese Lucia Bosetti, che dopo la batosta in gara 2 ha reagito e ha lottato per proseguire la corsa verso lo scudetto. Martinez ha giocato solo alcuni tratti della gara, infastidita dal dolore alla spalla e anche questa sera la sua prestazione è stata sottotono (per lei solo 7 punti). Cialfi fa quello che può in regia, nella sua prima partita da titolare e dopo aver impiegato del tempo a ingranare, ce la mette tutta, anche se l’intesa delle attaccanti con lei non è la stessa che c’è con Signorile. Moneta e Negretti, quando chiamate a entrare in campo, ci mettono la grinta e Vasilantonaki è la più costante in una serata dove anche Stufi non sembra riuscire a prendere il ritmo (la greca ha totalizzato 15 punti). Bene Berti che chiamata a sostituire ormai da diverse settimane capitan Pisani, potrebbe essere uno degli elementi da cui ripartire nella costruzione della squadra per la prossima stagione. Dall’altra parte della rete la Pomì è scesa in campo carica a mille, dimostrando da subito di voler vincere. Si sono fatte notare Gibbemeyer (14 punti con 5 muri) e Guerra (12).

Una standing ovation invece per i tifosi biancorossi, a cominciare dagli Amici delle Farfalle, che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno alla squadra.
A fine partita Mencarelli non può che uscire dal campo sconsolato: “Casalmaggiore questa sera, con queste formazioni in campo, ha sicuramente meritato la vittoria. Abbiamo provato delle soluzioni per sopperire alle assenze e in alcuni momenti le abbiamo anche trovate. Ci siamo però dovuti caricare di errori spingendoci ben oltre le capacità e la continuità che siamo in grado di tenere contro squadre così forti”. Delusa anche Fiorin che sottolinea le pesanti assenze e la fatica: “L’assenza di Signorile ci ha fatto entrare in campo con un approccio sotto livello; a fine primo set abbiamo preso un buon ritmo e nel secondo potevamo forse pareggiare i conti. Con l’uscita di Diouf e i problemi di Martinez non siamo riuscite a fare di più. Abbiamo pagato anche la maratona che da gennaio ci ha visto tantissime volte in campo”.

LA PARTITA

Mencarelli schiera in campo Cialfi in regia, Diouf opposto, Berti e Stufi al centro, Vasilantonaki e Fiorin in attacco, Spirito libero.
Il primo set inizia con il vantaggio delle padrone di casa per 4-2 con le farfalle molto fallose, che regalano punti preziosi alle avversarie (9-4 e time out Mencarelli). La ricezione bustocca regala il 14-8 (altro time out Mencarelli), la UYBA non riesce a costruire gioco e Turlea affonda il 16-8. Mencarelli prova Martinez per Fiorin e qualche errore delle padrone di casa (22-17) rimette in gioco la UYBA, ma Gibbemeyer chiude sul 25-22.
Il secondo parziale vede in campo Vasilantonaki opposto per Diouf (out per un attacco d’asma) e Martinez in banda. Berti e Stufi danno la carica (0-2), poi lo zampino di Martinez favorisce il 6-10 ma Turlea non ci sta e si torna in parità (10-10). Si prosegue in sostanziale equilibrio fino al 14-14 poi Guerra con un attacco vincente e un ace (16-14) costringe Mencarelli al time out. Berti a muro riaccende la speranza (17-16) e tutta la squdra non molla e trova il +1 (22-23) con un attacco di Martinez. Si va ai vantaggi, chiudi da Turlea e Bosetti (26-24).
La Pomì vuole chiudere i conti in fretta e inizia il terzo set con il 5-2. Le farfalle ci provano ma non riescono a essere incisive, regalando anche tanti punti alle avversarie per i troppi errori (14-13). Turlea mura il 16-14 (time out UYBA) e Guerra regala il 18-17 ma si riscatta poco dopo con il mani fuori del 19-17 e con l’ace del 20-17. Nel finale Stevanovic e Gibbemeyer allungano (23-18) e l’attacco out di Fiorin chiude la gara (25-18).

IL TABELLINO

Pomì Casalmaggiore – Unet Yamamay Busto Arsizio 3-0 (25-22, 26-24, 25-18)
Pomì Casalmaggiore: Bacchi, Zuleta ne, Lloyd ne, Peric 2, Sirressi (L), Turlea 11, Gibbemeyer 14, Bosetti 7, Gibertini ne, Guerra 12, Fabris 1, Stevanovic 7, Tirozzi 6.
Unet Yamamay Busto Arsizio: Stufi 5, Signorile ne, Cialfi 1, Spirito (L), Fiorin 6, Witkowska ne, Badini ne, Martinez 7, Diouf 4, Moneta 2, Berti 8, Negretti, Pisani ne, Vasilantonaki 15.
Arbitri: Santi – Oranelli
Note. Casalmaggiore: battute sbagliate 10, ace 3, muri 12. Busto: battute sbagliate 4, ace 0, muri 5.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 21 aprile 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.