Aime porta in centro 500 musicisti in nome della legalità

Lo sportello della legalità nasce grazie alla collaborazione con don Aniello Manganiello, ex parroco di Scampia, fondatore dell'associazione "Ultimi". Domenica 14 maggio il mega concerto nel cuore della città

Aime generiche

Varese chiama Scampia in nome della legalità. Quella di Aime potrebbe apparire una provocazione ma nel concreto non lo è. L’idea di aprire uno sportello per diffondere la cultura della legalità in collegamento con il noto quartiere di Napoli nasce dal rapporto che l’associazione di categoria ha stabilito con don Aniello Manganiello, ex parroco di Scampia,  fondatore dell’associazione “Ultimi” e amico del compianto Dario Fantinato, imprenditore scomparso recentemente in un incidente aereo e colonna portante di Aime. 

«L’illegalità spesso provoca morte, disuguaglianza e concorrenza sleale – ha detto Armando De Falco (foto) presidente di Aime -. Un’impresa che non rispetta le regole è avvantaggiata rispetto a quelle che le rispettano, come chi imbocca scorciatoie per ridurre i costi delle propria attività utilizzando il lavoro nero».

Aime vuole fare la sua partendo dai giovani, favorendo l’educazione alla cittadinanza e alla legalità, la formazione di una coscienza libera e responsabile e fornendo gli strumenti culturali necessari per capire i processi di cambiamento e potersi inserire da protagonisti nella società.

«Non si tratta di inserire nuove discipline nei corsi di studio – spiega Gianni Lucchina, segretario generale di Aime – quanto piuttosto di promuovere una coscienza civica e una dimensione formativa trasversale ai diversi saperi, valorizzando l’apprendimento formale e integrandolo con l’esperienza che l’alunno riesce a vivere in altri ambienti e contesti».

Aime ha attivato, in sintonia e in accordo con la cooperativa Lotta alla Emarginazione, un percorso formativo e di inserimento professionale di alcuni giovani provenienti da situazioni di degrado per avviarli e accompagnarli nel mondo del lavoro.

«Per lanciare e rafforzare il nostro impegno in favore della legalità – conclude Lucchina – abbiamo organizzato per domenica 14 maggio, con inizio alle ore 15, un concerto nel centro di Varese con 500 musicisti». Un impegno corale che ha coinvolto nella promozione e organizzazione dell’evento le maggiori istituzioni locali: l’Ufficio scolastico per la Lombardia, il Comune, la Provincia, la Camera di Commercio di Varese e la collaborazione dell’Anbima (Associazione Nazionale delle Bande Italiane Musicali Autonome, dei Gruppi Corali e della Musica Popolare Italiana).
.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.