All’asta un’opera di Bettino Craxi

All’incanto la serigrafia dal titolo “Kennedy for President”, risalente al 1980. L'iniziativa benefica a favore dell'Istituto Sacra famiglia Onlus

Avarie
Di ritorno da un viaggio negli USA nel 1960 Bettino Craxi aveva portato un piccolo gadget della campagna elettorale con la quale l...allora senatore John Fitzgerald Kennedy vinse poi le elezioni diventando il 35.. Presidente americano. Come altre volt

Tra le tante opere che verranno messe all’asta per sostenere l’Istituto sacra Famiglia c’è anche “Kennedy for President”, del 1980. Autore: Bettino Craxi.

Craxi nel corso degli anni aveva realizzato diverse opere: disegni, litografie, serigrafie e ceramiche.

Di ritorno da un viaggio negli USA nel 1960 Bettino Craxi portò un piccolo gadget della campagna elettorale con la quale l’allora senatore John Fitzgerald Kennedy vinse poi le elezioni diventando il 35° Presidente americano. Da quest’oggetto trasse ispirazione per la serigrafia all’asta.

L’iniziativa benefica, che si tiene all’Hotel Four Seasons di Milano in via Gesù 6, giovedì 18 maggio prossimo con inizio alle 18.30, metterà in vendita le opere di 35 tra i più riconosciuti artisti dell’arte contemporanea.

Il ricavato sarà devoluto interamente alla Fondazione Istituto Sacra Famiglia Onlus di Cesano Boscone (MI) che lo impiegherà nel progetto di assistenza sanitaria che garantisce cure oculistiche di avanguardia per i bambini e gli anziani tra i cinquemila pazienti dell’Istituto che presentano problemi della vista.

Le opere che verranno battute dalla Sotheby’s hanno infatti per tema “La luce, l’occhio, la visione” e sono state raccolte nel progetto LOV4VISION per iniziativa di Lucio Buratto, noto chirurgo oculista e direttore scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico (www.camo.it).

L’iniziativa fa seguito a quella che l’anno scorso ha permesso di vendere le opere di giovani artisti delle maggiori Accademie d’arte italiane.

Quest’anno hanno aderito generosamente 35 tra i maestri più prestigiosi della pittura italiana contemporanea, come Emilio Isgrò, Pino Pinelli, Turi Simeti, Renata Boero, Fernando De Filippi, Ugo La Pietra, che hanno interpretato ciascuno secondo il proprio linguaggio, l’affascinante tema della visione e dell’occhio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.