Dal sassofono ai comodini d’antiquariato, “caccia all’affare” all’asta di Malpensa

170 i lotti, oltre 4mila oggetti. Il lotto "color oro" battuto a 8mila euro, otto volte il prezzo base

E come ogni anno, è arrivato il giorno. In centinaia si sono presentati all’asta degli oggetti smarriti negli aeroporti di Linate e Malpensa. Appuntamento al Cral Sea, di fronte al terminal 2. Amici, soci d’affari, persino famiglie: dopo aver dato l’assalto al parcheggio ben segnalato, tutti nella sala dove il battitore “batteva” (appunto) i lotti di oggetti.

Molti i curiosi che abitano nella zona dell’aeroporto, ma non manca chi viene da più lontano e – a microfoni spenti, come si dice – confessa di aver fatto buoni affari in passato all’asta oggetti smarriti di Malpensa selezionando attentamente il lotto da seguire.

170 complessivamente i lotti, per oltre 4000 oggetti. Ad attrarre l’attenzione c’è stato il lotto di oggetti “color oro”: base d’asta mille euro, battuto a 8mila euro, sganciati “sulla fiducia” da chi ha scommesso sul valore complessivo. E ancora curiosità per gli strumenti musicali (tra cui un sassofono) e per alcuni oggetti di arredo e di antiquariato («ma come si fa a perdere dei comodini in aeroporto?» si chiede qualcuno).

La diretta FB di VareseNews sull’asta oggetti smarriti di Malpensa:

 

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 25 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.