Attrezzature per clonare i bancomat: arrestati

I due sono stati fermati nella zona dell'aeroporto cantonale e nella successiva perquisizione della loro auto sono state rinvenute attrezzature per lo skimming

Avarie
Foto varie

Due cittadini di nazionalità bulgara sono stati arrestati nella zona dell’aeroporto cantonale di Locarno nel corso di un controllo delle Guardie di confine.

La successiva perquisizione della vettura, eseguita dal Gruppo specialisti visite delle Guardie di confine, ha permesso di rinvenire attrezzatura da skimming, la  frode per cui dei truffatori si procurano illegalmente i dati delle carte di conto, di debito o di credito delle loro vittime per poi prelevare denaro dal loro conto.

Dopo l’interrogatorio da parte di agenti della Polizia cantonale i due sono stati arrestati. In base agli accertamenti finora effettuati il 39enne e il 32enne sono i presunti autori di uno skimming presso un bancomat di Rivera.

Le ipotesi di reato nei loro confronti sono di acquisizione illecita di dati, abuso di impianto per l’elaborazione dei dati e messa in circolazione di apparecchi di immagine e di ascolto. L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Margherita Lanzillo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.