Bilancio in attivo per la Saronno Servizi “sportiva”

L'amministratore unico Giordano Romani, presenta il bilancio 2016 della Saronno Servizi SSD, ovvero la sezione sportiva della municipalizzata cittadina

Lavori all'ex bocciodromo di Saronno (inserita in galleria)

L’amministratore unico Giordano Romani, presenta il bilancio 2016 della Saronno Servizi SSD, ovvero la sezione sportiva della municipalizzata cittadina:

Il bilancio 2016 di Saronno Servizi SSD si chiude con un utile di esercizio di € 6.758 a fronte delle perdite realizzate negli esercizi precedenti di € 73.161 (anno 2015) e di € 70.312 (anno 2014). L’analisi dei costi e dei ricavi che verrà fatta di seguito entrerà più nel dettaglio delle voci che hanno determinato questo risultato economico, ma già da subito è bene evidenziare che di rilievo è stata la riduzione del canone di affitto ramo d’azienda “settore piscina” che la Società Sportiva ha concordato con la Capogruppo Saronno Servizi SPA.

La riduzione di € 100.000 ha portato il canone a € 65.000 valore questo che appare più in linea con gli andamenti degli appalti del settore “gestione impianti sportivi” osservati sul territorio.
Entrando ora nel dettaglio delle analisi, per quanto riguarda i ricavi di esercizio, gli stessi complessivamente aumentano dello 0,9% rispetto all’esercizio precedente (circa 15.000), segno del continuo sviluppo e crescita dell’impianto, tra i più apprezzati del territorio.
Nel complesso le variazioni positive dei ricavi sono legate ai seguenti fattori principali:

– aumento per la stagione 2016-2017 degli iscritti ai corsi di tutte le aree sportive gestite dalla SSD (area vasca, area pattinaggio e area ludico-motoria corsi a terra presso ex Bocciodromo);
– aumento dei ricavi dell’attività del Campus Estivo, cresciuti del 14,2% (circa € 14.500) rispetto all’esercizio 2015.
Riduzione dei ricavi si sono avute invece nei seguenti settori:
– nuoto libero estivo: a causa del cattivo andamento climatico dell’estate 2016 i ricavi della vasca esterna sono diminuiti del 25% rispetto all’anno 2015 (€ 19.000 circa);

Una nota infine sugli appalti in capo alla Società Sportiva per l’affidamento a terzi della gestione dei punti ristoro degli impianti sportivi gestiti (bar piscina e bar ex Bocciodromo). Per entrambi i bar nel 2016 sono state svolte le gare per identificare dei nuovi gestori tenuto conto che già a inizio 2016 era stato risolto di diritto per morosità e gravi inadempienze contrattuali il contratto con Bistrot Saronno (ex gestore bar ex Bocciodromo) e che era invece giunto al termine naturale l’appalto per il bar piscina.
Per una migliore illustrazione dei ricavi e degli indicatori di attività degli impianti di seguito si riportano alcuni grafici. Sia per gli iscritti ai corsi di pattinaggio che per le presenze del pattinaggio libero occorre tenere presente che i dati 2016 sono influenzati da un mese in meno di attività per apertura impianto posticipata da inizio novembre a inizio dicembre.

Per quanto riguarda i costi di esercizio, gli stessi sono diminuiti complessivamente del 4% (€ 68.000 circa) rispetto all’esercizio precedente.

FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO LA CHIUSURA DELL’ESERCIZIO

Con riferimento al periodo intercorso tra la data di chiusura dell’esercizio 2016 e la data di approvazione del bilancio segnaliamo i seguenti elementi che possono incidere sulla gestione dell’esercizio 2017.

1) Come già indicato da gennaio 2017 a Saronno Servizi SSD è stata affidata dal Comune di Solbiate Olona (nuovo socio di Saronno Servizi SPA) la gestione della piscina comunale. La scelta del Comune Socio è maturata dopo il travagliato fallimento degli appalti effettuati negli anni precedenti, che hanno visto l’alternanza di diversi gestori privati. Tali gestori, nei fatti, non si sono rivelati in grado di ottemperare agli obblighi contrattuali assunti sia in termini gestionali (es. manutenzioni ordinarie, orari di apertura,..) sia in termini economici (morosità nei canoni). In particolare l’ultimo gestore a causa del mancato pagamento delle bollette delle utenze si è visto interrompere la fornitura del gas, fatto questo che ha costretto il Comune di Solbiate a decidere la chiusura immediata dell’impianto natatorio con gravi danni di tipo sociale ed economico sia per lo stesso EE.LL. che per la cittadinanza. L’impianto chiuso a ottobre 2016, dopo degli urgenti interventi di ristrutturazione effettuati dal Comune di Solbiate, è stato riaperto da Saronno Servizi SSD già a gennaio 2017, con uno sforzo organizzativo e gestionale di assoluto rilievo.

2) E’ intenzione di Saronno Servizi SSD continuare l’attività di promozione e sviluppo dell’area ex Bocciodromo. In tale ottica si spiega il progetto di spostamento della pista di pattinaggio dalla sede originaria di via Miola. Se l’esercizio 2016 è stato penalizzato per il ritardo nell’avvio della stagione ghiaccio, l’anno 2017 beneficerà in maniera rilevante della maggiore visibilità che la pista di pattinaggio ha goduto grazie alla nuova location, visibilità che già si è tradotta in un aumento degli incassi per il pattinaggio libero relativo ai mesi da gennaio a marzo 2017 che sono raddoppiati rispetto ai valori dell’anno 2016 (da € 13.577 a € 26.119). Ugualmente in crescita i ricavi per i corsi di pattinaggio passati da € 21.982 a € 26.339 (valore I trimestre 2017 – +16%). Un ulteriore sviluppo della struttura e dei ricavi aziendali è inoltre atteso dalla decisione di spostare presso l’ex Bocciodromo l’attività del Campus Estivo 2017.

di
Pubblicato il 18 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.