Com’è cambiata la tua vita con Internet? Raccontalo con un video

Entra nel vivo la produzione del film DigitaLife, realizzato con i vostri video: rispondete alla domanda e inviate il filmato. Ogni due settimane in palio un fine settimana per due persone

Digitalife
Le foto legate ai 20 anni

Com’è cambiata la tua vita con Internet? È la domanda che apre ufficialmente la nuova fase della produzione del film collettivo DigitaLife, un progetto nato per i 20 anni di VareseNews e che si aggiunge a tutte le iniziative già in programma, come “Indovina chi porta il caffè” e la presenza alle feste del territorio. Diventare protagonisti del film con un vostro video è semplicissimo: basta realizzare un filmato con il vostro telefonino o una videocamera, andare su www.digitalife.org e seguire le istruzioni per l’invio. In palio per voi, ogni due settimane, un weekend per due persone in una località italiana, che sarà assegnato al video che meglio rappresenta lo spirito del film.

Il sito ufficiale del film

Il film DigitaLife vuole raccontare come Internet ha cambiato la nostra vita negli ultimi 20 anni, anche con uno sguardo al futuro. L’obiettivo è portare poi l’opera completa nei cinema di tutta Italia. Il film è diretto da Francesco G. Raganato, già affermato regista di opere per Sky e Rai. Ma a comporre il film saranno interamente i vostri filmati. «Sono vent’anni che lavoriamo con le comunità per far crescere un progetto di informazione – racconta Marco Giovannelli, direttore di Varese Web -. DigitaLife è uno sviluppo di questo approccio. Crediamo che il fascino maggiore della cultura digitale sia la partecipazione. La carica innovativa di questo film però non è legato solo al mosaico che verrà realizzato grazie ai video inviati, ma al trattamento dei materiali stessi. Il progetto sarà un lungo racconto corale che accompagnerà tutte le fasi della produzione e post produzione fino all’arrivo in sala. Avremo così una piattaforma dove ogni cittadino potrà esprimere la propria opinione e al tempo stesso esser protagonista di un film che racconterà i cambiamenti con lo sguardo rivolto anche al futuro»

La pagina Facebook del film

C’è tempo fino al 31 maggio per inviare i primi video, ma potete inviare i vostri filmati fin da subito. A giugno saranno pubblicate sul sito altre domande che andranno a delineare in maniera più approfondita il rapporto con il digitale e con Internet. «Insomma, costruiremo il film insieme a voi – prosegue il regista Raganato -. Sarà un lavoro collettivo nel vero senso della parola. La volontà è quella di creare una community che dia linfa vitale al film giorno per giorno. È una sfida in tutti i sensi, a partire dal fatto che daremo l’opportunità a chiunque di raccontare la sua storia e condividerla».

Qui saranno pubblicati tutti i vostri video

Tutti i video verranno pubblicati in diversi spazi e coloro che parteciperanno con l’invio di un proprio lavoro riceveranno un riconoscimento da parte della produzione. Ogni due settimane poi sarà scelto un filmato particolarmente rappresentativo dello spirito del film e all’autore verrà offerto un weekend per due persone in una località italiana. Tutti coloro che verranno scelti per far parte di DigitaLife saranno inseriti nei titoli di coda del film e nei credits ufficiali dell’opera. Per qualsiasi altra richiesta è possibile scrivere a digitalife.film@gmail.com

Il regista Francesco G. Raganato
È stato scelto da Varese Web tramite un bando a cui hanno partecipato 230 registi e vedomaker. Ha diretto diversi documentari per il programma “La storia siamo noi” di Giovanni Minoli su Rai2, realizzando poi prodotti anche per La7 e History Channel. Parallelamente alla TV lavora ad alcuni film-documentari, creati apposta per il cinema e l’on-demand. “L’Isola Analogica”, su alcune vicende legate al consumo accidentale di LSD nella piccola isola di Alicudi nelle Eolie, vince il Gran Premio del Mediterraneo/Prix Italia, festival a cui partecipano le maggiori emittenti televisive europee. Dopo qualche anno esce al cinema e poi in dvd per Feltrinelli Real, “Tsunami tour”, l’unico documentario che racconta la prima campagna elettorale di Grillo. Con “Looking For Kadija”, mette in scena un picaresco viaggio in una sconosciuta Eritrea, riuscendo a raccogliere numerose testimonianze sulle condizioni di vita nella ex-colonia italiana. Questo documentario, prodotto da RAI Cinema, vince il primo premio al Festival del Cinema di Roma nel 2013. Tra i suoi ultimi lavori c’è la serie “Islam Italia”, ideata e condotta da Gad Lerner per Rai3, attualmente candidata al Prix Italia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.