De Simone: “Varese esempio di buone pratiche a nella lotta agli sprechi”

"La città è stata nominata come esempio di buone pratiche nella lotta agli sprechi e nell’applicazione del principio che chi meno inquina meno paga"

Dino De Simone
Dino De Simone, assessore all'ambiente e allo sport. Propositivo ma è da valutare quanto verrà ascoltato sui suoi temi

“Varese è stata nominata come esempio di buone pratiche nella lotta agli sprechi e nell’applicazione del principio che chi meno inquina meno paga. Il nostro Comune si sta muovendo non solo per quanto riguarda la riduzione dei rifiuti ma anche per premiare con risparmi significativi chi adotta concrete politiche di riuso. In tal senso abbiamo agito sulla Tari introducendo una riduzione sulla tariffa dei rifiuti per le attività commerciali sulla base della legge 166/2016 per limitare gli sprechi alimentari”.

Così Dino De Simone, assessore all’Ambiente del Comune di Varese, a commento dell’iniziativa che questa mattina ha visto la partecipazione a Palazzo Montecitorio del Sindaco Galimberti chiamato a presentare le buone pratiche e i progetti promossi dall’amministrazione varesina in attuazione della legge Gadda.

A Varese dunque le utenze non domestiche, ristoranti, imprese, bar ma anche negozi, beneficeranno di sconti sulla Tari grazie all’introduzione di alcune tipologie di risparmio. Oltre allo sconto tra il 2 e il 3% sulla imposta per tutte le utenze non domestiche, gli altri risparmi sono previsti inoltre per le attività commerciali che donano i beni alimentari alle persone in difficoltà o conferiscono meno rifiuti sul principio di chi meno inquina meno paga. In questo caso la riduzione potrà arrivare anche fino al 20% sulla parte variabile in proporzione alla quantità di beni alimentari che si devolvono in beneficenza.

“In questo modo – insiste De Simone – diamo un aiuto concreto anche al rilancio dell’economia del territorio, oltre ad avviare concrete politiche ambientali per le quali oggi abbiamo ottenuto anche il riconoscimento a Roma di comune virtuoso. Inoltre il Comune di Varese ha introdotto di recente la family bag dedicata ai ristoranti. Nei locali che hanno aderito all’iniziativa i clienti potranno ricevere il ‘porta avanzi’ d’autore con il quale portare a casa quello che non si è mangiato a tavola. Stiamo lavorando per portare la family bag anche nelle mense scolastiche. Insomma lotta allo spreco da una parte e incentivi alle attività economiche virtuose”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.