Gaburro lancia la Caronnese verso Varese: «Siamo sereni, sarà una finale anticipata»

L'allenatore rossoblu anticipa la gara di domenica dei playoff: «Per un'ora conteranno tattica e gamba, poi i colpi dei singoli faranno la differenza»

marco gaburro caronnese
Le foto della Caronnese

La sconfitta interna contro il Gozzano sembrava aver estromesso definitivamente la Caronnese dalla corsa ai playoff. Invece la squadra rossoblu con una bella vittoria a Chieri è riuscita a risalire in sella e qualificarsi per gli spareggi promozione.

Sarà così un derby varesotto una delle semifinali playoff (l’altra vedrà opposte in uno scontro tutto piemontese Borgosesia e Gozzano). Gara secca domenica 14 maggio (ore 16.00) al “Franco Ossola”, dove la Caronnese ha già vinto due volte questa stagione, prima in Coppa Italia (ai calci di rigore), poi in campionato.

È pronto per questa sfida l’allenatore della Caronnese Marco Gaburro: «C’è un buon clima a Caronno Pertusella. Quella che poteva essere considerata una delusione per il primo posto mancato è stata metabolizzata. Senza rendercene conto stavamo finendo fuori dai playoff, colpa di questo girone così corto come classifica. Sarebbe dispiaciuto parecchio a me e alla società. La squadra ha fatto un buon campionato e non meritava di rimanere esclusa dai playoff».

Quali saranno gli aspetti importanti da qui in avanti per arrivare in fondo?
«Sono partite secche, conteranno gli episodi e la condizione mentale. Mi aspetto che facciano la differenza la tattica e la gamba per un’ora. Poi subentreranno i colpi individuali, le giocate del singolo».

Contro il Varese avete un trend positivo in quest’anno.
«È vero che abbiamo vinto tre volte in stagione, ma abbiamo incontrato i biancorossi in situazioni differenti. Nella gara di andata noi stavamo bene, loro arrivavano dal cambio di allenatore. Al ritorno invece arrivavamo da un periodo negativo, volevamo rifarci e in campo abbiamo messo forse più energie».

Come vede il Varese in questo momento?
«Credo che possa essere un avversario ostico perché potrebbe puntare forte alla Lega Pro. Penso che la nostra sfida playoff sia una finale anticipata. Affrontiamo i biancorossi con il terzo allenatore diverso. Non cambiano le caratteristiche della rosa. Può cambiare il modulo, l’atteggiamento, ma non i giocatori».

Come arriva la Caronnese a questo appuntamento?
«Siamo stati bravi a invertire un trend che era negativo dopo un paio di passi falsi e a Chieri abbiamo faticato non poco per vincere. Alla fine è stata forse maggiore la soddisfazione del successo e l’approdo ai playoff. Mi aspetto quindi una Caronnese libera di testa. Questo aspetto ci può permettere di andare in campo con una serenità che consentirà ai singoli di dare qualcosa in più come estro».

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.