Giacomo Mazza: «Quando andammo nel Veneto a studiare gli asparagi»

Giacomo Mazza, responsabile dell’omonima azienda agricola, è uno dei leader della produzione dell'asparago bianco di Cantello

Cantello - Asparago bianco

Giacomo Mazza, responsabile dell’omonima azienda agricola, è uno dei leader per quanto riguarda gli asparagi. La sua esperienza è partita negli anni ’90 dal sodalizio stretto con le altre aziende locali.

È iniziata presto la stagione quest’anno?
«Sì, circa due settimane prima rispetto al solito. Il caldo di marzo ha fatto partire prima i lavori ma ora gli asparagi stanno soffrendo questo clima freddo».

State subendo ripercussioni per quanto riguarda la produzione e la vendita?
«Certamente la produzione è minore rispetto ad un mesetto fa, ma per fortuna la vendita procede regolarmente».

Quali sono i numeri della vostra produzione?
«Difficile a dirsi, dipende tutto dalla stagione. Il caldo permette un lavoro continuo mentre una primavera piovosa rallenta lo sviluppo dei turioni».

La vostra storia è iniziata negli anni ’90 con le altre aziende locali?
«Sì, iniziammo praticamente insieme. Andammo nel Veneto a studiare come produrli seriamente e quali strumenti erano necessari alla lavorazione».

Quanto è rilevante la Fiera che annualmente si tiene in paese?
«Parlano i numeri: è dal 1939 che si tiene quasi ininterrottamente, giunta alla 77esima edizione. Stiamo parlando della fiera più longeva della provincia, nonché della regione. Sono sempre tanti i visitatori che fanno visita alle bancarelle, al tendone e alle esposizioni».

Quali zone riuscite a coprire?
«L’asparago di Cantello riesce ad arrivare fino a Milano e Brescia, oltre che in Svizzera».

Cosa offrite al consumatore?
«Asparagi freschi durante la primavera e in agrodolce durante l’anno. Inoltre produciamo creme e sughi grazie al supporto di una ditta agroalimentare esterna».

di
Pubblicato il 27 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.