Il Coro Harmony alla casa circondariale

Riceviamo e pubblichiamo il racconto dell'esperienza del Coro Harmony alla casa circondariale di Busto Arsizio, dove si sono esibiti

coro alla casa circondariale
busto arsizio varie

Riceviamo e pubblichiamo il racconto dell’esperienza del Coro Harmony alla casa circondariale di Busto Arsizio, dove si sono esibiti.

Esperienza unica e irripetibile l’esibizione del Coro Harmony al teatro della casa circondariale di Busto Arsizio.

Il Prete ha accompagnato il coro, attraverso il luogo di detenzione e con astuta arte di un maestro che accompagna i suoi alunni in classe, ha stemperato il clima di normale tensione in uno più gioviale e leggero con battute e semplice ironia.

Tre detenuti si sono presentati e pur ammettendo i loro errori traspariva la voglia di cambiare o forse di essere già cambiati grazie alla musica e alla cultura. Il Presidente Giovanni Desperati ha presentato ai detenuti della sala il coro Harmony e le varie canzoni, sottolineando la finalità sociale e solidale che per più di vent’anni il coro opera nelle strutture per anziani e disabili.

Presenti l’assessore alla cultura Francesca de Novara e l’assessore alle politiche sociali Ausilia Angelino che nel ringraziare per l’ospitalità, ha rimarcato l’importanza di mettere al centro della nostra società il valore dell’essere umano e della vita. Molti detenuti si sono uniti ai canti creando un’ intesa corale e richiedendo con calore il bis finale dove tutti in piedi, insieme in una sola voce, si è cantato “‘O surdato ‘nnammurato”. Tra forti applausi e strette di mano tra detenuti, amministratori, coro e il consigliere nazionale Franco Milani presente per l’occasione, si è conclusa una speciale avventura, lasciando nel cuore di tutti gioia, solidarietà e rispetto per ogni essere umano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 maggio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.